Martedi 12 settembre 2017

Il deserto che avanza

mondadori10 GENNAIO – Mentre in piazza Bra si celebra Cheap NFL Jerseys il primo evento enogastronomico 2013 (questa volta è la cioccolata, pare, a farla da padrone…) e il Comune di Verona compie l’ennesimo scempio culturale negando anche per quest’anno agli organizzatori del Carega Jazz Festival la possibilità di portare nel cuore della città una delle manifestazioni più belle e amate dai giovani (ma non solo), pare si stia consumando purtroppo quello che potrebbe diventare un vero e proprio dramma lavorativo per circa 600 famiglie veronesi.

Riceviamo e pubblichiamo questa lettera da parte di Agostino Mondin, voce storica di Radio Popolare Verona:

Prosegue domani a Milano la trattativa tra Maurizio Costa, Amministratore Delegato di Mondadori, e  Mario Pozzoni, proprietario dell’Elcograf, ex Gruppo Mondadori Printing. Oggetto del contendere è lo sconto del 30 per cento che Mondadori avrebbe chiesto per continuare a stampare libri e periodici all’interno del loro ex gruppo. Tradotto in soldoni Mondadori chiede uno sconto di circa 30 milioni di euro. Nel corso della trattativa si sarebbe arrivati, almeno fino ad oggi, ad un  avvicinamento tra le parti. Lo sconto diese sarebbe arrivato attorno al 15 per cento, cifra ancora lontana però dal punto di caduta ipotizzato dal proprietario del Gruppo Pozzoni/Elcograf.

La trattativa vede presenti solo le parti datoriali in quanto le Organizzazioni Sindacali verrebbero coinvolte solo in una fase successiva, quella in cui si dovranno cheap jerseys “contare i morti”. Per ben che vada, dicono i sindacalisti, ci saranno 200 persone in più. Facile ipotizzare che se non andasse così “bene” le cifre potrebbero salire ulteriormente.

Verona con i suoi circa 600 dipendenti, viene chiamata pesantemente in causa poiché tra le ipotesi potrebbe esserci pure la chiusura dello stabilimento della Stampa Rotocalco, fiore all’occhiello a livello internazionale, che vide negli anni scorsi investimenti per decine di milioni di euro.

Gli stabilimenti dell’ex Mondadori Printing vedono attualmente occupate, oltre alle 600 persone veronesi, 40 persone a Pomezia, in provincia di Roma, 150 a Cles, in  NFL Jerseys Cheap provincia di Trento e 150 pure a Melzo, in Lombardia.

Desta meraviglia che attorno ad una vicenda di questa portata, specie per Verona, il silenzio continui ad imperare. La soluzione finale è già pronta, l’agnello sacrificale è già stato individuato. Bersaglio facile nel passato, ovvio e quasi banale in periodo di crisi. Parliamo delle decine di lavoratori che vedranno a rischio il proprio posto di lavoro.

La Mondadori di Verona, da simbolo e traino degli Editori e Stampatori Internazionali, a fucina di elaborazioni sindacali che hanno fatto da guida ai Contratti Nazionali di Categoria sta per finire nel dimenticatoio ed al margine del tessuto produttivo veronese.

Verona e i veronesi, non possono permettersi anche questo, non si può più continuare a girare la testa dall’altra parte, o fingere di non vedere e di non sentire. Credo che occorra uno scatto di orgoglio. Non è che poi ci troveremo di fronte all’ennesima proposta di un nuovo punto vendita dell’Ikea, questa volta in Borgo Venezia?

 Mondadori, affettivamente la voglio continuare a chiamare con questo nome, potrebbe aggiungersi ai vari Cardi, Biasi, Glaxo, Cartiera di Cadidavid, Compometal….è il deserto che avanza con la complicità della crisi, l’incapacità e la dabbenaggine della politica, anche locale, la voracità di una certa “classe” imprenditoriale, l’inadeguatezza sindacale e la debolezza dei lavoratori.

Domani prosegue la trattativa da cui lavoratori e sindacati sono esclusi. A loro non rimane che attendere la sentenza.

Se è questo ciò che la città vuole…..

Agostino Mondin

 

Questo è soltanto uno dei tanti casi generati dalla crisi negli ultimi anni. I drammi (dalla perdita del Cheap nfl Jerseys lavoro da parte di operai o impiegati all’angoscia e disperazione di tanti imprenditori, alcuni dei quali, purtroppo, non hanno saputo reggere compiendo addirittura gesti estremi) sono sempre più all’ordine del giorno e anche la nostra città, pur essendo un’isola felice sotto tanti punti di vista, non ne è totalmente esente. Un tema su cui è necessario pretendere risposte dalla politica, sia essa nazionale o locale. Il rischio, dalle nostre parti, è di fare la figura degli struzzi che mettono la testa nella sabbia. I problemi non sono solo altrove, ma anche nella bella e ricca Verona.

A noi de Il Nazionale non resta che esternare tutta la nostra solidarietà ai lavoratori della Mondadori, sperando che la trattativa si risolva nel migliore dei modi.

 

Ernesto Kieffer

Pubblicato il: 10 gennaio 2013

Stampa Stampa
L'autore Parole chiave
Ernesto Kieffer Ernesto Kieffer

, , , , , , , , ,

Seguici

Ricevi le notizie nella tua casella di posta elettronica


Oppure se utilizzi Facebook clicca