Sabato 11 febbraio 2017

TEDxVerona 2016: il 24 aprile va in scena il “Prefisso Futuro”

Un'immagine tratta dalla conferenza stampa di presentazione del TEDxVerona 2016Verona 20 aprile – Domenica 24 aprile 2016 il Palazzo della Gran Guardia aprirà le porte alla terza edizione di TEDxVerona, l’evento scaligero più innovativo dell’anno dedicato alla tecnologia, al design e all’intrattenimento.

Un’edizione che di volta in volta conferma e migliora i suoi precedenti record: 700 i biglietti esauriti nell’arco di poche ore durante la prevendita del 1° marzo e con ancora molte persone in lista d’attesa. I “social fan” di TEDxVerona hanno fatto sentire il loro prezioso supporto online: 3.625 sono, infatti, i “like” ricevuti sulla pagina Facebook dell’Associazione, oltre 1.000 i follower su Twitter, mentre sono quasi 500 i seguaci sul profilo Instagram inaugurato proprio per quest’edizione; infine, sono oltre 6.500 le visualizzazioni del video di presentazione dell’evento, realizzato dalla casa di produzioni cinematografiche in 3D veronese Darkside, per la prima volta al fianco di TEDxVerona.

Un risultato straordinario che in parte già di per sé è in grado di appagare l’impegno dei 20 componenti del team dell’edizione 2016. In occasione dell’evento del 24 aprile lo stesso team sarà supportato, peraltro, da uno staff aggiuntivo di oltre 40 volontari,  accuratamente selezionati, che contribuiranno alla complessa macchina organizzativa affinchè tutto funzioni perfettamente.

TEDxVerona è una straordinaria occasione per la nostra città, resa possibile grazie alla passione di uno staff di volontari che per mesi e mesi, partendo dalla scorsa estate, ha lavorato alacremente tutti i giorni per realizzare e curare nei minimi dettagli l’organizzazione di questo evento“, spiega con orgoglio il Presidente dell’Associazione TEDxVerona Francesco Magagnino. “Si tratta della terza edizione, che nei numeri conferma e addirittura migliora quelli già ottimi ottenuti nel 2014 e nel 2015. TEDx vorrebbe diventare per Verona un appuntamento fisso con l’innovazione, per permettere alle persone di incontrarsi e creare una community che contribuisca a costruire futuro e dare visione alla nostra città”.

I dodici speaker interverranno sul palco, ciascuno proponendo un monologo di massimo 18 minuti che partendo dal proprio ambito di competenza, declinerà il tema scelto per quest’edizione dall’Associazione: “*Re- *prefisso futuro: re-invent, re-think, re-lay” si propone di analizzare la relazione tra passato e futuro partendo dal presupposto che alla base di ogni innovazione vi sia la reinterpretazione, la relazione o l’intensificazione di un “quid” preesistente. L’obiettivo è dimostrare come ciò avvenga in ogni ambito della nostra vita. Il prefisso latino “RE” – leitmotiv di quest’edizione – è presente in numerose forme verbali, nella formula italiana “RI” e nell’anglofona “RE”, e può assumere un valore iterativo, quindi di connessione e riformulazione del passato, un valore di reciprocità, legato alla comunicazione e al trasferimento di un sapere, e, infine, un valore enfatico finalizzato alla valorizzazione di un’idea. Al prefisso RE- saranno associati, dai seguaci di TEDxVerona sui Social Media, e dagli speaker che sceglieranno il titolo del loro speech, una serie sempre diversa di termini, verbi, aggettivi, che, oltre ad animare le pagine del nuovo sito www.tedxverona.com, andranno a definire il contenuto degli speech dell’evento.

Ma chi saranno gli speaker di quest’edizione? Eccoli: Linda Avesani (ricercatrice presso l’Università di Verona ), Simona Atzori (pittrice, danzatrice e scrittrice), Mauro Bergamasco (rugbista), Simon Lancaster (speechwriter e comunicatore), Domitilla Ferrari (esperta di marketing digitale), Francesco Sauro (esploratore, geologo e speleologo), Marco Ceriani (fondatore di Italbugs e foodblogger), Giovanni Andrea Prodi, (fisico nucleare e responsabile del progetto internazionale sulle onde gravitazionali), Tamara Lunger (scalatrice alpina), Massimo Tammaro (ex comandante delle Frecce Tricolori). Annunciati in quest’occasione anche gli ultimi due speaker: si tratta dei “social expert” Daniele Quercia in coppia con Miriam Redi e di Pasquale Pezzillo  che porterà in Gran Guardia il suo progetto musicale Joycut in collaborazione con Gael Califano e Nicola Maccarinelli. Per ogni ulteriore approfondimento consultare la scheda allegata.

Come si può vedere i temi che verranno trattati sono molteplici: dalla ricerca scientifica all’esplorazione, dalle nuove tecnologie alla musica, dallo sport fino ad arrivare alle storie più personali, ma sempre paradigmatiche” racconta Désirée Zucchi, responsabile della selezione degli speaker per TEDxVerona. “Abbiamo scelto un mix di personalità veronesi e italiane, che verranno nella città scaligera a farci conoscere più da vicino le loro esperienze di vita e professionali. Non mancherà, come nella miglior tradizione TED, anche un importante nome internazionale: si tratta di Simon Lancaster, in passato stretto collaboratore di politici come Tony Blair e autore di diversi bestseller nell’ambito della comunicazione. L’obiettivo è, come sempre, quello di creare ispirazione, coinvolgere, accendere una lampadina sulla creatività e sul nostro futuro“.

Anche la Gran Guardia, che ospiterà per il terzo anno consecutivo l’evento, sarà a suo modo protagonista, con un allestimento creato ad hoc e che vuole rispecchiare la filosofia e la tematica scelta per quest’edizione del TEDxVerona. “L’obiettivo è quello di sottolineare l’importanza del TEDx come catalizzatore della cultura dell’innovazione per Verona” spiega Leopoldo Tinazzi, architetto e responsabile degli allestimenti per TEDxVerona. “Per l’allestimento di TEDxVerona 2016 abbiamo scelto di interpretare il concetto di RE-* attraverso una forma, declinandola tra le sue diverse accezioni. Abbiamo deciso di giocare con il nastro delle idee e farlo scorrere avanti e indietro per RIpensare, RIscoprire, RIcreare”. Sul palco il nero, il rosso e il bianco, i colori di TEDxVerona, si mescoleranno e comporranno  un segno: la doppia freccia indietro del tasto REWIND che sostiene la doppia freccia avanti del tasto FASTFORWARD. “Nel loggiato, il giardino della nostra community hall, i TEDxer incontreranno il robot RED, dotato di due paia d’occhi” conclude Tinazzi. “Un paio per osservare il passato ed individuare le esperienze da recuperare, per analizzare e ricercare tutte le buone idee del tempo trascorso e ripescarle, farle nostre ed in un certo modo riscoprirle; un paio per scrutare l’orizzonte del futuro e rimettere in circolo le idee e le esperienze, dando loro nuova vita”.

Come l’anno scorso, anche quest’anno SocialMeter Analysis by Maxfone sarà partner tecnico della manifestazione. Si occuperà, in particolare, di supportare l’attività social durante l’evento e di monitorarne l’andamento per mezzo di apposite piattaforme. I dati relativi all’ascolto del parlato online, proiettati su monitor e maxischermi, consentiranno di individuare gli speech che hanno generato maggiore parlato e interesse, gli utenti più attivi sui social, le reazioni dei presenti in sala e molti altri tipi di informazioni. L’elemento più in linea con lo spirito del TEDx, in ogni caso, sarà il Photostream, che nel suo essere tecnologia d’avanguardia, strumento di entertainment e design accattivante, incarna in tutto e per tutto la filosofia dell’acronimo TED. Il Photostream è un wall tematico che raccoglie in tempo reale le immagini Twitter e Instagram relative a un determinato evento, e, nell’ambito del TEDxVerona, sarà posto nei luoghi dell’evento per stimolare l’interazione social dei presenti in sala e invitarli a condividere le loro foto e i loro punti di vista sull’evento. Rispetto al debutto dello scorso anno, il Photostream presentato al TEDx 2016 sarà più dinamico e interattivo, grazie anche ad una nuova interfaccia grafica..p

Per tutti coloro che non potranno assistere direttamente all’evento in Gran Guardia ci sarà, comunque, la possibilità di seguirlo integralmente attraverso la diretta streaming (www.tedxverona.com/streaming).

Enrico Brigi 

Pubblicato il: 20 aprile 2016

Stampa Stampa
L'autore
Enrico Brigi

Seguici

Ricevi le notizie nella tua casella di posta elettronica


Oppure se utilizzi Facebook clicca