Venerdi 21 luglio 2017

Elkann: Consiglio ai giovani? Dire e guardare la verità

foto by Dgtmedia - Simone CC-BY-3.0

24 AGOSTO – L’intervento di John Elkann, Presidente Fiat, al Meeting di Rimini può suscitare qualche perplessità nel momento in cui nomina la parola “certezza”. Nelle ultime settimane per la Fiat di certo c’è ben poco, se non che l’azienda da gennaio ha perso metà del suo titolo borsario e che gli avvenimenti degli ultimi giorni riportano risultati degni di una tragedia greca.

L’industriale più amato dalle donne sembra però ottimista e sereno nel raccontare la propria vita e la propria esperienza aziendale “ La prima certezza è l’incertezza, l’adattarsi agli avvenimenti”. Resta il dubbio se l’affermazione fosse riferita anche alla leader della Cgil, Susanna Camusso, che di adattarsi non ne vuole proprio sapere.

Ma il tema dello sciopero sembra lontano mille miglia dal discorso di oggi in cui si vanta un miglioramento delle performance delle aziende a gestione familiare pari al 58% contro il 40% delle altre realtà imprenditoriali, perché la gestione familiare dà “ una certezza temporale e più fiducia”.

Se poi l’azienda al suo interno è gestita da un circolo di virtuosi ancora meglio: si allontanano i rischi di nepotismo e mancanza di meritocrazia.

E proprio a proposito di meritocrazia Elkann parla di un contributo a migliorare il sistema educativo, essenziale per lo sviluppo di un Paese “ Più migliora il sistema scolastico e più migliora il futuro”. Niente in contrario sul fatto che l’istruzione sia direttamente collegato al bisogno di capitale umano di cui oggi l’ambito aziendale è purtroppo carente.

L’Italia , ormai è opinione comune, ha ancora molti passi da fare prima di arrivare a un sistema scolastico veramente funzionante, a parte certi casi del tutto eccezionali.

Si parla di aiutare gli studenti migliori con borse di studio e proposte lavorative, di promuovere gli studi scientifici, in modo da arrivare al livello di altri paesi europei.

Insomma proposte sicuramente buone, avanzate da moltissime personalità presenti al Meeting, ma il cui esito concreto è ancora da verificare.

Ad ogni modo un consiglio rivolto ai giovani è quello di “ Dire e guardare la verità” , citando la famosa favola di Anderson sul re, che pur di mostrarsi con il vestito più bello, si lascia abbindolare nel peggiore dei modi. Lasciarsi consigliare quindi  da chi ci si fida e da chi ha più esperienza nel settore, dopo che si  “ Definisce cosa si vuol fare nel conteso in cui si vive” senza “Scappare dalle difficoltà e da turbolenze inevitabili”, tanto prima o poi “ Le tempeste passano”.

E per il mercato automobilistico speriamo passino veramente.

Linda Tonarini

Pubblicato il: 24 agosto 2011

Stampa Stampa
L'autore
Linda Tonarini Linda Tonarini

  • massimo

    Di fronte ad un invito così importante, che dire ? Complimenti per l' articolo

Seguici

Ricevi le notizie nella tua casella di posta elettronica


Oppure se utilizzi Facebook clicca