Tragedia di Arcole: Sara si risveglia, mentre la raccolta firme per il reato di omicidio stradale arriva a quota 75mila

ragazzi-arcole-219 NOVEMBRE – A distanza di più di una settimana dal terribile schianto in cui hanno perso la vita, ad Arcole (Verona), quattro giovanissimi; la più piccola del gruppo ha finalmente ripreso conoscenza. Sara Sinigaglia, di appena 16 anni, ha riaperto gli occhi nel reparto di Terapia Intensiva di Borgo Trento ed ha chiesto dove siano Fake Oakleys i suoi amici. Non ricorda nulla dell’incidente, dell’Audi bianca che li ha falciati tutti, NFL Jerseys China guidata da un 31enne il cui tasso alcolico superava di quattro volte il limite. Del destino del fidanzatino quasi coetaneo e degli altri compagni è ancora all’oscuro. Si è appena ripresa e crede che siano tutti feriti come lei, ricoverati in altri ospedali. Invece Nico, Enrico e Anna sono morti sul colpo, mentre Michel ha perso la sua lotta contro la morte il giorno successivo a quel terribile 10 dicembre. È stata forte la rabbia per la morte di questi ragazzi, conosciuti da molti altri ragazzi vicentini e veronesi per la loro voglia di vivere, per l’entusiasmo che li spingeva a essere un punto di riferimento per tutti. Così, spontaneamente, migliaia di giovani hanno intrapreso una raccolta firme per promuovere l’iter legislativo che dovrebbe condurre cheap MLB Jerseys alla creazione di una nuova fattispecie di reato severamente punita, quella di omicidio stradale. L’omicidio stradale si configurerebbe così a carico di chi, ubriaco o cheap authentic jordans sotto l’effetto di sostanze stupefacenti, si mette alla guida e rende l’automobile uno strumento letale, causando la morte di una o più persone.

ragazzi-arcole-3Già tre anni fa, il sindaco di Firenze Matteo Renzi ribadì la necessità di elaborare una nuova proposta di legge che punisse senza indugio chi insanguina le strade con comportamenti superficiali e pericolosi. L’idea in sé non era nuova, ma la proposta del sindaco “rottamatore” riaccese l’attenzione movie dei media a questo riguardo e diede inizio a una raccolta Cheap Jordans di sottoscrizioni che continua tutt’ora. Nel febbraio del 2011, sempre a Firenze è stato lanciato il progetto David, che sostiene l’introduzione del reato di omicidio stradale e si prefissa di salvare almeno 58 vite umane nel corso di un decennio. Mario Valducci, a capo della Commissione Trasporti della Camera dei Deputati, si fece promotore di una legge delega per la riforma del Codice della Strada. Iniziò così un lungo confronto interno alla Commissione stessa, per discutere il progetto. Agli inizi del 2012, le prime difficoltà sostanziali: i ministri Cancellieri e Severino, seguite da un Corrado Passera più titubante, negarono la loro competenza in materia. Ecco allora che i lavori subirono una dura battuta d’arresto, prendendo atto del fatto che vi sono, ancora oggi, troppe diversità di veduta al riguardo. Solo con riferimento al cosiddetto “ergastolo della patente”, ossia il suo ritiro permanente, si continuò a sperare in un proseguimento dell’iter parlamentare, ma poi tutto si fermò inesorabilmente.

Con il 2013, il governo Letta ha ripreso il tema affidandolo al sottosegretario ai trasporti Erasmo D’Angelis. Ancora una volta, l’obiettivo è quello di creare un sistema punitivo più severo e intransigente. Dal 2011 ad oggi, la petizione on-line www.omicidiostradale.it ha raccolto circa 75.000 firme, ma il mondo politico si ostina a non trovare il punto d’accordo necessario a riformare il Codice della Strada finora in vigore.

Ad Arcole il dolore è ancora palpabile. Una speranza ha tuttavia illuminato, in queste ore, la famiglia di Sara Sinigaglia. “C’è qui Sara che vi aspetta” ha detto al telefono un operatore dell’ospedale di Borgo Trento alla mamma della ragazza, per comunicarle che la giovane è finalmente uscita dal coma. “Continua a lottare” l’hanno pregata anche i compagni di scuola in questi giorni, trascorsi con il fiato sospeso ad aspettare qualche notizia positiva. Ma la speranza, oggi, è anche quella di milioni di cittadini che si augurano intervengano presto le modifiche legislative necessarie ad assicurare un inasprimento delle pene.

Silvia Dal Maso

Lascia un commento