Mercoledi 28 giugno 2017

Voulez-vous coucher avec moi?

foto by Dan Frommer

13 AGOSTO – Ho sempre ritenuto particolarmente interessante il come ci si approcci all’altro sesso.

Il discorso prevalentemente sarà rivolto al genere maschile, ma non è che faccia male leggerlo anche alle ragazze.

La maggior parte dei ragazzi, quando trova una ragazza interessante (e qua si potrebbe benissimo fare un altro articolo dove si analizza cosa è effettivamente “interessante”) si avvicina a lei come quando si va a fare un esame avendo studiato solo la copertina del libro. Per ovvi motivi non posso mettere il francesismo del caso, ma penso non ve ne sia bisogno.

In sostanza si va da una persona della quale non si sa nulla, se non com’è fisicamente, e si fa di tutto per passare l’esame, e farsi scegliere come prediletto di turno.

No, ma stiamo scherzando?

Ok, è la donna che sceglie, e fin qui il discorso è pacifico (se non vi chiamate Clooney, Pitt etc) ma che la maggior parte dei ragazzi sia pressoché totalmente disinteressato a come è realmente una ragazza e guardi solo l’aspetto fisico lo capisco a dieci anni, dopo no.

Poi ci si lamenta delle ragazze d’oggi, sono tutte uguali e s(omissis). Ma quanto provate realmente a conoscerle? Quanto effettivamente si è disposti a calpestare se stessi e la propria dignità per uscire con una ragazza che magari è una capra (cit. Sgarbi) ?

Che poi quello che bisogna fare è semplicemente avere degli standard e non essere disposti a scendere sotto di essi. Che è praticamente quello che fa la maggior parte delle donne. Avete presente quando vi dicono “sei veramente un caro ragazzo, ma ti vedo solo come amico”? La traduzione esatta è “mi dispiace, ma sei sotto gli standard che mi sono imposta”.

Quindi bisogna si passare il loro “esame”, ma allo stesso tempo bisogna farne uno a loro anche noi.

Bisogna vedere se rispettano i nostri standard.

Per la cronaca, “bella” non è uno standard.

Sapere se hanno passioni e in caso quali (si, perchè a volte a questa semplice domanda la risposta è occhi a palla e il vuoto dentro) è giá qualcosa che può aiutare nel determinare i nostri standard.

Come fare invece per passare il loro esame di laurea? Diciamo che le sfere principali in un uomo sono tre, aspetto fisico, carattere e la sfera lavorativa. Cercare di migliorare il più possibile in tutti e tre è la cosa migliore, ma anche dare una predominanza al carattere aiuta, e non poco.

Bisogna riuscire a cambiare la prospettiva che ormai si è data ai rapporti.

Poi volete mettere la soddisfazione di dire voi “sei una cara ragazza, ma ti vedo solo come amica”?

Priceless.

Just my two cents.

Pubblicato il: 13 agosto 2012

Stampa Stampa
L'autore Parole chiave
Francesco Bisesti

, , , , , , , , ,

Seguici

Ricevi le notizie nella tua casella di posta elettronica


Oppure se utilizzi Facebook clicca