Domenica 28 maggio 2017

Arrivederci, Serie A

Immagine119 MAGGIO – La si temeva e la si aspettava, ma alla fine la matematica, inflessibile, è arrivata. Il Cagliari, dopo undici anni di onorata militanza, saluta la cheap oakleys sunglasses massima divisione del calcio italiano e lo fa nel peggiore dei modi. A nulla è servita la tanto sperata sconfitta dei diretti concorrenti atalantini in campo genoano: i rossoblù infatti sono usciti sconfitti dalla sfida casalinga contro il Palermo e ancora una volta si sono fatti del male con le loro stesse mani. Serviva una prova d’orgoglio, una squadra cattiva, cinica Cheap Jordans e arrembante, capace di mettere sotto un avversario certamente di buon livello, ma con la testa già rivolta all’anno venturo; e invece al S.Elia, in un torrido pomeriggio, simple si è vista una prova immancabilmente deludente, una delle tante di questa deludente stagione.

Quello 2014\2015 è stato un campionato difficile, sofferto e tribolato. Da dimenticare, insomma. Eppure avrebbe dovuto essere l’annata di una grande rinascita, alimentata da grandi promesse dal sapore europeo, fatte da uomini che avrebbero dovuto portarci verso lidi lontani. E invece il sogno si sono lentamente trasformati in un incubo e insieme alle venti sconfitte stagionali – a malapena addolcite da sei vittorie e dieci pareggi – squadra e società hanno fatto una ricca collezione di ingenuità, indecisioni, contraddizioni e incertezze. Il buffo valzer di allenatori, i mancati innesti decisivi, le scelte tecniche discutibili e l’illusione di una salvezza raggiungibile nelle ultime giornate hanno piano piano scritto Fake Ray Bans un destino che in pochi hanno accettato di guardare in faccia. Almeno sino all’ultima domenica.

A farne le spese, i tifosi, arma in più nell’ultima decade di Serie A, ora invece rabbiosi, sino ai limiti della violenza, nei confronti di giocatori colpevoli, a parer loro, di nutrire poco amore per una maglia e per un glorioso bicolore.

La Sardegna scende in Serie B. Finiti i tempi dei festeggiamenti in pompa magna, delle strombettate e dei caroselli. A Cagliari e al Cagliari restano solo le lacrime e il rammarico di non aver saputo fare di più nel tempo a sua disposizione, in un fiume di nostalgici ricordi che sfocia nfl jerseys shop in un mare di fischi.

Gianmarco CossuWatch movie online The Transporter Refueled (2015)

Pubblicato il: 19 maggio 2015

Stampa Stampa
L'autore Parole chiave
Gianmarco Cossu

Seguici

Ricevi le notizie nella tua casella di posta elettronica


Oppure se utilizzi Facebook clicca