La partita a cui nessuno vuole mancare

hamsik21 DICEMBRE – Si dice che i tifosi del Cagliari ogni anno tra luglio e agosto, una volta stilato il calendario di Serie A, abbiano la mente rivolta esclusivamente alla giornata in cui si disputerà una particolare partita. È la sfida che tutti aspettano, quella a cui nessuno vorrebbe mai mancare, tanto sentita da spingere chiunque a fare carte false pur di rispondere presente a un così importante appuntamento.

Alle 20:45 di sabato 21 dicembre il S.Elia non sarà teatro di una semplice e consueta gara della diciassettesima giornata, ma di una vera e propria “battaglia del pallone”. I riflettori infatti saranno tutti puntati su Cagliari – Napoli, match che da un po’ di anni a questa parte non è mai stato povero di spettacolo e fascino non solo per i tifosi di entrambe le squadre ma anche per chi è amante del calcio in tutti i suoi aspetti. Vedi (il) Napoli e poi muori – rivisitando il titolo di un celebre film drammatico degli anni ’50 – e allora capisci quanto sia importante per un tifoso isolano assistere almeno una volta a questo incontro, indipendentemente dalla posizione in classifica occupata dalle due compagini, accomunate da una storia fatta di gioie scudetto, di grandi campioni del passato e di glorie indimenticabili. Che sia uno scontro salvezza, o un testa – coda, o uno spareggio scudetto, non fa nessuna differenza per chi è stato capace, dopo un passato di fasti, di masticare con grande dignità anche il pane duro della vecchia Serie C. Tanto che lunedì scorso nella sede di viale La Plaia del “Cagliari Point” i biglietti sono stati polverizzati in meno di un’ora sorprendendo gli stessi rivenditori e lasciando a replica oakleys bocca asciutta i malcapitati ritardatari. Ma tutto questo è nella norma.

Napoli è un rosario di ricordi che si perdono nella notte dei tempi e sgranandoli riaffiora alla mente quell’8 maggio 1966, anno del primo dei 28 precedenti nella cheap ray ban sungalsses massima serie in Sardegna. In quell’occasione gli azzurri si imposero per due reti a zero, la prima delle cinque vittorie in terra sarda, ma nessuno dei rossoblù ci bada ormai più (scusando la rima), inebriati sicuramente dalle 9 vittorie (la prima nel 1970) e dai 14 pareggi che nel Wholesale Jerseys corso degli anni hanno fatto entusiasmare la Curva Nord, mettendo a volte a dura prova le coronarie di qualche sostenitore un po’ attempato. Memorabile a tal proposito è il 3 a 3 del 12 dicembre 2009, frutto di Cheap Oakleys una gara di pura passione che vide partenopei in vantaggio per due reti a zero (Pazienza e Lavezzi) e il Cagliari ribaltare il risultato nell’ultimo quarto d’ora con Matri, Larrivey e Jeda, per poi chiudere con il pareggio siglato da Bogliacino.

Cagliari – Napoli però non è solamente gioia, ma è una storia di scontri vergognosi e rivalità lontane di cui qualcuno forse non cheap jordans for sale ricorda nemmeno più le origini; è una storia fatta di tanti episodi e tante lacrime, come quelle copiose versate da Roberto Muzzi nel giugno 1997 proprio nello stadio del capoluogo campano in occasione di quel maledetto spareggio contro il Piacenza; è una storia di errori e di rabbia, come quella dei tifosi sardi alla vista Mỹ di un gestaccio rivolto loro da quel Daniel Fonseca che nel 1992 con la maglia azzurra non esitò a farsi beffe di chi prima l’aveva osannato e poi barbaramente fischiato.

Cagliari – Napoli è anche questo. E pazienza se il S.Elia con una capienza da stadio di provincia non sarà la giusta cornice di un nuovo dipinto di gesta del calcio conta. Il suo valore rimarrà comunque invariato.

Gianmarco Cossu

 

Gianmarco Cossu

Nato a Cagliari nel 1988, è un appassionato di giornalismo sportivo e ovviamente gran tifoso della squadra della sua città. Laureato in Lettere e specializzando in Linguistica Moderna, è uno speaker radiofonico di UnicaRadio e segue con interesse i vari eventi che vedono protagonista il capoluogo della sua Sardegna.

gianmarco-cossu has 56 posts and counting.See all posts by gianmarco-cossu

Lascia un commento