Lunedi 21 agosto 2017

Branded: potere e redenzione nel mondo del marketing e delle multinazionali

<img class="alignnone wp-image-18771 size-medium" src="http://ilnazionale.net/wp-content/uploads/2014/11/branded-poster-322×477.jpg" alt="branded-poster" width="322" height="477" srcset="http://ilnazionale.net/wp-content/uploads/2014/11/branded-poster-322×477.jpg 322w, http://ilnazionale.net/wp-content/uploads/2014/11/branded-poster-444×658.jpg 444w, http://ilnazionale.net/wp-content/uploads/2014/11/branded-poster-33×50.jpg 33w, cheap nfl jerseys http://ilnazionale.net/wp-content/uploads/2014/11/branded-poster.jpg 500w” sizes=”(max-width: 322px) 100vw, 322px” />

 

29 AGOSTO – Non male questo film di James Bradshaw del 2012, passato forse un po’ in sordina in Italia, ma denso di significati simbolici riferiti al mondo del marketing e delle aziende multinazionali. L’azione si svolge in un mondo distopico (molto intelligente in questo senso l’uso del colore: è sempre presente un filtro blu davanti alle telecamere), in una Russia che vuole ricordare molto gli Stati Uniti attuali.

La trama è sostanzialmente questa: una “cupola” di aziende multinazionali del settore food, constatato che le vendite diminuiscono in maniera costante, assume il guru mondiale del marketing (Max von Sydow, molto sacrificato in questo ruolo minore) per risolvere la situazione. L’idea “geniale” del guru è questa: cambiare i canoni di bellezza della popolazione a livello mondiale, seguendo alla lettera il motto “grasso è bello”, per creare mercato e moltiplicare a dismisura le vendite.

Detto, fatto: Mosca si popola di enormi cartelloni pubblicitari che rappresentano donne in carne, i bambini Älteren cominciano ad ingrassare e il fast food diventa droga e simbolo di appartenenza sociale allo stesso tempo. Nel frattempo Misha, protagonista del film ed ex talento internazionale nel mondo del marketing, comincia il suo percorso di redenzione: abbandona la società civilizzata, inizia a fare il pastore e, attraverso il rito della vacca rossa, entro in possesso di poteri paranormali che gli permettono di vedere le incarnazioni fisiche dei brand.

Da qui in poi il film cheap Air Jordans diventa davvero delirante: Misha vede dei giganteschi mostri che si assestano sopra i palazzi di Mosca. Le incarnazioni dei brand si attaccano al collo delle persone, succhiando la loro linfa vitale e controllandoli, fino ai livelli più alti della società. Misha ricomincia a lavorare nel mondo del marketing, seguendo la creazione di brand concorrenti rispetto a quelli delle aziende multinazionali del food. Ma ora il suo scopo è diverso: vuole distruggere il mondo della pubblicità a livello mondiale. Ci riuscirà, inducendo il caos nei mercati e costringendo il governo Russo ad emanare una custom jerseys legge che vieta fake ray bans qualsiasi tipo di pubblicità da parte delle corporations.

C’è fin troppa immaginazione in questa pellicola, e la trama è a volte sconnessa e zoppicante. Questo però non toglie forza al messaggio principale che il film vuole veicolare, che arriva allo spettatore in modo chiaro e con NFL Jerseys Cheap un impatto molto, molto forte.

Carlo Tregambe

Pubblicato il: 29 agosto 2014

Stampa Stampa
L'autore
Carlo Tregambe

Seguici

Ricevi le notizie nella tua casella di posta elettronica


Oppure se utilizzi Facebook clicca