La Fatal Verona…

Toni 127 AGOSTO – Sembra incredibile, ancora una volta la “Fatal Verona”. Dopo le due precedenti occasioni delle stagioni 1972/73 e 1989/90 che costarono al Milan ben due scudetti – nel lontano 20 maggio 1973 l’inattesa e cocente sconfitta significò anche la mancata conquista della stella, che per la cronaca arrivò solo 6 anni più tardi – il Bentegodi si è dimostrato di nuovo “fatale” per i colori rossoneri. Per il ritorno in serie A dopo undici anni di assenza, per Maietta & compagni non poteva esserci esordio migliore. In uno stadio già “sold out” da alcuni giorni, gremito da un incredibile tripudio di bandiere e cori gialloblù, gli scaligeri hanno avuto la meglio sulla squadra di Allegri, ottenendo in rimonta un’emozionante vittoria, fatta di gambe, testa e soprattutto tanto cuore.
Mandorlini, come era facile immaginare, si è affidato sin dall’inizio all’oramai collaudato 4-3-3 che in fase difensiva si è poi trasformato in un più accorto 4-1-4-1. Disposizione tattica quest’ultima, che prevedeva Donati in posizione di “schermo” davanti ai quattro di difesa con i due esterni – Jankovic e Martinho – pronti a “scalare” sulla linea mediana del campo per mettere in inferiorità numerica il centrocampo a tre del Milan. I gialloblù, forse condizionati dall’esordio davanti al proprio pubblico – la squadra per 6/11 era al debutto assoluto o quasi nella massima serie – sono scesi nfl jerseys cheap in campo leggermente contratti #ReGram e hanno inizialmente subito il predominio territoriale degli uomini di Allegri. Dopo il gol subito – realizzato da Ray Ban Sunglasses Poli, abile a sfruttare un delizioso assist di Balotelli – gli uomini di Mandorlini hanno avuto il grande merito di non disunirsi e con una reazione degna dei tempi migliori, sono riusciti prima a pareggiare e poi ad andare in vantaggio, grazie ad una fantastica doppietta di uno scatenato Luca Toni. Il Milan è apparso a tratti “irriconoscibile” e forse già con la testa al ritorno dei play off di Champions League. In sostanza, convinti, non senza un pizzico di presunzione, di poter conquistare l’intera posta in palio, i rossoneri non hanno fatto i conti con la voglia di vittoria dell’Hellas, sospinta in campo dal sostegno incessante dei propri tifosi. Alla fine dell’incontro diventa fin troppo facile dare la palma del migliore in campo a Toni (voto 8) autore della doppietta vincente. Tuttavia, sui gradini del podio gli fanno buona compagnia anche Romulo e Donati. Il brasiliano (voto 7,5) arrivato solo da una settimana, ha giocato come fosse qui da sempre, inserendosi perfettamente negli schemi del centrocampo gialloblù e risultandone alla fine protagonista indiscusso. Il secondo invece, schierato nel suo ruolo più naturale di baricentro basso del triangolo di centrocampo, si è dimostrato fondamentale a protezione della difesa e pronto a far ripartire l’azione (voto 7,5). In tutto questo tuttavia giusto merito anche a Mandorlini (voto 7) per come ha preparato la partita e per come ha gestito la squadra nell’intero arco dell’incontro.
L’ultima importante citazione spetta infine al meraviglioso jordans for cheap pubblico del Bentegodi (voto 10). La tifoseria scaligera, sottoposta per un’intera settimana ad una vera e propria “gogna mediatica” per la presunta accoglienza nei confronti di Mario Balotelli, non è caduta nella facile trappola della provocazione, superando questa prova di maturità con la miglior arma a propria disposizione, bagaglio da sempre dei supporters gialloblù: l’ironia. Decisamente un colpo di genio. discount oakley Chapeau!

Enrico Brigi

Ray Ban Outlet

Lascia un commento