Sorpasso rimandato

martinho gol18 marzo 2013 – Il tanto atteso sorpasso non è riuscito. Venerdì sera in un Bentegodi gremito da quasi ventimila spettatori – record stagionale di presenze – ai gialloblù non è riuscita la conquista dell’intera posta in palio nel big match contro il Livorno, secondo in classifica. A dire il vero la partita è iniziata subito in salita per gli scaligeri che dopo soli 10 minuti si sono trovati già in svantaggio. Imperdonabile in questo caso l’errore commesso da Moras che ha regalato al brasiliano Paulinho un vero e proprio “rigore in movimento”, occasione che il centravanti labronico non si è certo lasciato sfuggire. Nonostante il colpo subito a freddo gli uomini di Mandorlini non si sono disuniti e dopo qualche minuto di comprensibile smarrimento, hanno iniziato Cheap Ray Bans a macinare gioco raggiungendo il meritato pareggio con una rete di Martinho, che in una delle sue consuete “scorribande” ha trafitto l’estremo difensore livornese Fiorillo. Il giocatore brasiliano, schierato nel  ruolo a lui più Fake Ray Bans congeniale di esterno alto, ha “tagliato a fette” la difesa del Livorno che solo usando le maniere forti – in un paio di situazioni i difensori toscani sono stati colpevolmente Fake Ray Bans “graziati” dal direttore di gara – è riuscita in qualche modo ad arginarne la straripante azione offensiva. Dopo essere andati al riposo sul risultato di uno ad uno, i tentativi operati dai gialloblù nel secondo tempo di raggiungere il meritato vantaggio sono però andati a vuoto ed i toscani sono quindi riusciti portare a casa un importante pareggio, che consente loro di mantenere invariato il vantaggio in classifica sulla squadra di Mandorlini. La prestazione del Verona è stata  positiva – la squadra ha disputato un ottimo incontro – tuttavia è emersa ancora una volta l’incapacità dei gialloblù di capitalizzare l’enorme mole di gioco offensivo espressa. Le note negative arrivano in questo caso da Cacia e Gomez. Il bomber gialloblù – forse ancora sofferente per i postumi della pubalgia – sembra aver perso lo smalto dei giorni migliori – ultimo gol contro lo Spezia oltre un mese e mezzo fa – mentre l’attaccante argentino sembra vittima di un’involuzione – non riesce più a saltare l’avversario nell’uno contro uno – dalla quale non sembra in grado di uscirne.  La superiorità numerica creatasi poi nel secondo tempo dopo l’espulsione per somma di ammonizioni di Duncan – dubbi sulla volontarietà del fallo commesso ai danni di Cacia lanciato a rete – ha visto anche qui i gialloblù incapaci di sfruttare in maniera adeguata il vantaggio rappresentato dall’uomo in più. In questo caso mi permetto di giudicare forse un po’ tardive le sostituzioni operate da Mandorlini. Il tecnico gialloblù ha infatti inserito Ferrari a poco più di un quarto d’ora dalla fine – schierandolo al fianco di Cacia con Martinho trequartista cheap jordans online – e l’argentino Rivas all’85° quando oramai diventava francamente molto difficile cambiare l’inerzia della partita. Forse – ma nel calcio la controprova ahimè non esiste – sarebbe servito un po’ più di coraggio nei cambi per cercare di girare a proprio favore l’esito dell’incontro.

Luci pugno chiusoIn ultimo un deciso rimprovero all’atteggiamento provocatorio dei giocatori livornesi che a cheap nba jerseys fine partita si potevano forse risparmiare l’esultanza collettiva davanti agli spalti del Bentegodi. Mi permetto in particolare di segnalare anche il gesto plateale e di cattivo gusto del capitano Luci – beccato dal pubblico al momento della sostituzione dopo le dichiarazioni post partita dell’andata – che all’uscita dal campo ha mostrato alle tribune un incomprensibile “pugno chiuso”. Cosa serva portare ancora una volta dentro gli stadi atteggiamenti di carattere politico francamente non lo capisco. Sarebbe veramente ora che tutti imparassimo – in primis chi va in campo – a parlare solo di calcio. Di gesti come questo – mi viene in mente quello degli anni 70 del centravanti perugino Paolo Sollier – ne possiamo tranquillamente fare a meno. Non so se saranno presi dei provvedimenti da parte del giudice sportivo tuttavia faccio i miei complimenti alla tifoseria gialloblù – che ha ricevuto anche il pubblico apprezzamento del presidente Setti – che anziché cadere in queste assurde provocazioni ha dato dimostrazione di maturità, dedicandosi esclusivamente all’incitamento dei propri beniamini. Adesso nel turno infrasettimanale arriva un’insidiosa trasferta a Lanciano – la matricola di Gautieri rappresenta un avversario decisamente ostico – dove come sempre sarà importante cercare la vittoria. Mancano ancora 11 partite, il sorpasso questa volta non è riuscito ma forse è stato solo rimandato.

Enrico Brigi

 

Lascia un commento