Zeman non è l’unico colpevole

Zeman8 FEBBRAIO – Quando i risultati non arrivano solitamente il primo a pagare, unico capro espiatorio, è l’allenatore. Dopo 23 giornate, trascorse tra alti (pochi) e bassi (molti) la più volte traballante panchina di Zeman è definitivamente saltata. La scelta del tecnico boemo rappresentava per i giallorossi un ritorno al passato – Zeman era già stato sulla panchina romanista nel biennio 1997/1999 – e la nuova occasione – dopo la trionfale stagione alla guida del Pescara terminata con la promozione in Serie A – era per il tecnico la possibilità hockey jerseys di rientrare nel grande cheap nhl jerseys calcio dalla porta principale. La nuova avventura è tuttavia già terminata. Senza dubbio Zeman ha le sue responsabilità. In tempi non sospetti dissi che il suo spregiudicato 4-3-3 – ottimo per il campionato cadetto – avrebbe potuto trovare in serie A più di qualche difficoltà dove concedere agli avversari  5/6 occasioni a partita può diventare molto pericoloso. Scelte tecniche poi oggettivamente “controcorrente ” – come quella di arrivare quasi ad escludere dal progetto l’intoccabile “Capitan Futuro” Daniele De Rossi – hanno fatto discutere ed hanno incrinato i rapporti fin qui idilliaci con società e tifosi. Ma Zeman è così, è sempre stato così, quindi… prendere o lasciare…

Il tecnico non credo sia però l’unico colpevole. Qualche lecita domanda – ammesso che se ne trovino le risposte – dovrebbero farsela anche il direttore sportivo Sabatini e il direttore generale Baldini. Senza dimenticare una proprietà praticamente assente. Tralasciando  per un attimo Unicredit – socio al 40%  – appare infatti quantomeno curioso una presidenza a “stelle e strisce” poco presente, il cheap oakleys cui vero interesse è forse rappresentato dalla costruzione del nuovo stadio. In chiusura, la ciliegina sulla torta di tutta questa vicenda: Zeman è stato esonerato con un laconico quanto crudo sms. Da sempre i grandi risultati nascono quando alle spalle c’è una società solida  e questo è forse quello che manca veramente ai giallorossi per tornare a pensare veramente in grande.

Ora la squadra cheap jordans online è stata affidata al secondo Andreazzoli in attesa di <a href="http://ilnazionale.net/senza-categoria/zeman-non-e-lunico-colpevole/attachment/blanc/" Rudi rel=”attachment wp-att-14952″>Blancdecidere dove e da ray ban outlet chi ripartire. I nomi che circolano sono tanti. Si parte dal francese Blanc sino ad arrivare a Allegri e Ancelotti.  Il progetto Roma va quindi avanti e “riparte” per la terza volta. Speriamo sia quella buona..

Enrico Brigi

Lascia un commento