Salvini “Oh mio Capitano”, Bibbiano e i marò

Scrivete un post sui rubli che forse (lo deciderà la magistratura) finanziano o finanzieranno la Lega. Sicuramente qualcuno vi posterà sotto un “e allora perché non si parla di Bibbiano, perché l’informazione tace?”. Oppure, “e il PD, che come PCI li prendeva dalla Unione Sovietica?”. Molti saranno Bot, finti profili a pagamento, ma non tutti. A questo punto verrebbe naturale gridare: “E allora i marò?“. Eh, non certo per i poveri marò che, più la vicenda giudiziaria va avanti, più sembrano degli innocenti costretti in un limbo esistenziale per una questione puramente politica, tutta interna all’India. È la furia nel puntare il dito contro gli altri, poco importa se a ragione o torto; ciò che conta è difendere il proprio messia da un’accusa, a prescindere dal contenuto delle ragioni stesse.

Carletti, sindaco di Bibbiano

Prendiamo la vicenda Bibbiano. Un sistema mostruoso ha strumentalizzato gli affidi per fare business sulla pelle di minori e famiglie e, giustamente, la magistratura indaga i presunti colpevoli, tra cui esponenti del PD compreso il sindaco Andrea Carletti (PD). Ma se da una parte il “Secolo d’Italia” chiede che la vicenda non venga dimenticata e che lo Stato sia più vigile e presente nel controllo del sistema, altre testate come “IlPrimatoNazionale” o politici come Paola Taverna (MS5) si chiedono come mai la stampa non se ne occupi più, tirando in ballo Mentana e il suo “Open”. E c’è chi addirittura ci vede lo zampino del solito complotto gender ora denominato “mafia Lgbt”, come segnala “Next”.

In attesa di scoprire se I protocolli dei savi di Sion siano stati scritti non dai russi antisionisti agli inizi del Novecento, ma da criptogender anteliterram, è interessante vedere come sui social proceda l’informazione, che persegue nello stesso schema bipolare segnalato da queste colonne tempo fa.

Salvini e il Presidente della Russia Vladimir Putin

Ciò che stupisce chi scrive è come la battaglia sia non nei fatti, ma solo nel cercare la rogna nell’altro (che c’è, si badi). Vi ricordate da bambini? “specchio riflesso, buttati nel cesso”. Ma se fossi nell’elettore leghista o di destra, a più di un anno (13 mesi!) di Governo “giallo-verde”, invece di prendersela con la stampa di sinistra pretendendo che svolga il lavoro de “IlGiornale“, che chiama a testimone un tipetto “affidabile” come Berlusconi, oppure “Liberoquotidiano” che subito pubblica articoli a discarico, mi chiederei:

  • è importante o no chiarire se una delle due colonne del Governo possa ricevere denari da Putin? Non è che magari i russi hanno qualche interesse dietro e lo fanno non certo solo perché sono “buoni”? E se davvero era un così ingiusto finanziamento al PCI, adesso d’improvviso perché va bene per la Lega? Due ingiustizie fanno una giustizia (cit. Homer Simpson)?
  • i fatti di Bibbiano alleggeriscono in qualche modo la posizione di Salvini e della Lega sulla questione politica di Governo, che riguarda tutti?
  • la stampa vive di copie vendute e visualizzazioni e se buca una notizia non attrae lettori e perde soldi. La puntuale e costante attenzione nei giornali di destra sui fatti di Bibbiano non rappresenta forse una forma di condizionamento politico, ben più del silenzio di “Open”?
  • se la stampa di sinistra tace davvero i fatti di cronaca di Bibbiano mancando di obiettività, i nuovi moralizzatori del copia-incolla (se, come detto, non si tratta di bot) sono allora altrettanto pronti nel condannare gli articoli e i commenti offensivi e distorsivi nei confronti, ad esempio, di una Carola Rackete, tali da far prendere posizione persino a un giornale generalmente molto cauto come “Avvenire“?
Nicola Zingaretti, segretario “incolore” del PD

Da tempo la questione morale nel PD è compromessa. Anzi, a dirla tutta, il PD è nato morto: figurarsi ora con Renzi, il più odiato d’Italia, quasi ritornato in pista e lo Zingaretti sbagliato, che col nuovo corso (il nulla) fa sembrare Togliatti un “barricadero” spericolato. Facciamo tutti allora uno sforzo. Invece di gridare “e allora Bibbiano?” che, tra l’altro, è tuttora contesto protagonista di un’inchiesta (sì, proprio della tanto odiata magistratura che adesso, però, è improvvisamente buona e cara) chiediamo piuttosto al Vicepresidente del Consiglio e Ministro della Lega:

  • se davvero ci tiene a questa Autonomia, o se sia solo un giochetto, come segnalava Francesco Barana qualche giorno fa, per logorare Zaia e una truffa ai Veneti a favore di un “partitone” nazionale salviniano perché dal 14 febbraio tempo ne è passato eccome;
  • com’è che le accise non sono state tagliate, ma anzi aumentano le tasse, come segnala “IlGiornale“, non certo diretta emanazione del PCUS?
  • come stiamo messi coi rimpatri? Maluccio, a quanto pare. E i decreti del Ministro dell’Interno avranno mai una qualche efficacia?
  • dato che erano state fatte promesse di maggiore dignità e tutele alle Forze dell’Ordine, come mai il contratto non è ancora stato rinnovato? Forse per questo sono sparite felpe e magliette? 
Zaia e Salvini insieme per l’autonomia del Veneto. Ma davvero?

In conclusione. A più di un anno dall’insediamento del Governo Conte (1 giugno 2018) è ora di finirla con le chiacchiere dei “faremo” e di passare concretamente ai fatti. Conviene a Salvini, se non vuole diventare il nuovo Renzi. Conviene agli italiani che hanno votato questo governo cominciare a chiedere conto del suo operato. Conviene a tutti riappropriarsi di un minimo di senso critico e non dimenticare che sì, esiste pure la realtà oltre il mantra del momento. E comunque è vero: come diceva Montanelli, “il più pulito cià la rogna”.

Facebook Comments

Stefano Magrella

Veronese d'origine, vanta ascendenze cimbre tutte da dimostrare. Docente di lettere, viene definito amorevolmente dai suoi cari come polemico, pesante, pedante e pignolo. Nel tempo libero assapora ogni sfumatura della noia.

Stefano Magrella ha 45 articoli e più. Guarda tutti gli articoli di Stefano Magrella

Avatar

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial
Facebook
Twitter
LinkedIn