Brando Benetton, un regista veronese alla corte di Hollywood

«Le opportunità per eccellere uno deve crearsele da solo. Non aspettate di ricevere il permesso di fare un film. Giratelo e basta.» Brando Benetton ha 26 anni, ma le idee chiarissime. Aspirante regista e sceneggiatore, ha studiato cinema al college di Ithaca, New York, e ora sta proseguendo gli studi a Los Angeles. Nel frattempo, però, si è già costruito una carriera come autore di cortometraggi, a partire dal suo esordio Nightfire, vera e propria “tesi di laurea” girata a Verona nel 2014 con un cast che includeva Dylan Baker e Francesco Pannofino.

A più di quattro anni da quell’esperienza, nel frattempo Brando ha diretto un altro corto e si prepara a esordire nel lungo. Spinto da un bisogno di esprimersi trascinante. «A New York, a diciassette anni, mi accampavo sui set a osservare in silenzio i punti macchina, i ritmi della troupe. Non me ne rendevo conto, ma era la mia prima vera scuola di cinema.» Ne abbiamo parlato con lui in un’intervista in cui ci confessa sogni e aspirazioni a cuore aperto.

Brando Benetton (in primo piano) mentre gira

Parlaci un po’ della tua passione per il cinema: quando è nata e quando hai capito che sarebbe anche stato il tuo lavoro?

«Sono cresciuto da piccolo senza una vera televisione a canali (per fortuna!), e il cinema in cassetta è stata la mia prima introduzione al concetto di “intrattenimento a casa”. Se vogliamo tuffarci da subito nell’autoanalisi, penso di aver percepito una tale emozione da bambino guardando film come Indiana Jones e l’ultima crociata che ho intrapreso un lungo percorso nel tentativo di replicare e fornire le stesse emozioni a un nuovo pubblico. La parte più appassionante del fare cinema, per me, è tutto quello che il pubblico non vede. Come logistica e organizzazione possono essere trasformati in grandi opportunità creative. O incubi. È anche un mestiere di costante problem solving

Sono passati ormai più di quattro anni da Nightfire, il film che hai girato a Verona. Puoi parlarci della genesi del progetto?

«Come studente universitario sognavo di poter presentare un progetto che io stesso, come spettatore, avrei voluto vedere tra i film di tesi. Un film che ci potesse spingere a prenderci seriamente. Siamo partiti da una troupe di 25 studenti che tentavano di girare un film d’azione di un’ora in appena 12 giorni, che a pensarci adesso era folle. Ma rimane ad oggi una delle mie più incredibili esperienze cinematografiche, per tutto quello che abbiamo sofferto e per il girato con cui siamo tornati a scuola alcune settimane dopo. Il mio nome è saltato fuori molte volte a Verona, ma ci tengo a sottolineare che è stato un lavoro di squadra.»

Il film sta girando abbastanza e ha ottenuto anche una certa visibilità, se non sbaglio. Ci puoi parlare un po’ di questo?

«Anche in questo caso sono stato fortunato. A un anno dalla fine della lavorazione, una società di distribuzione americana mi ha chiamato dal nulla chiedendo di comprare il film dopo aver visto un trailer su YouTube. È stato un promemoria di quanto sia importante saper riconoscere e spingere il “genere” cinematografico di un proprio progetto: dialogando con i distributori ci tenevo a capire quali elementi del film (dalla presenza di Dylan Baker al panorama veronese in cui la storia è ambientata) aiutavano a venderlo, e in quali territori nello specifico. Siamo spinti dal concetto di raccontare storie, ma dobbiamo anche ricordarci che questo è un business. Dopo essere stato acquisito da Amazon per il catalogo Prime, ora il film dovrebbe uscire anche al cinema in America. Considerando che il progetto è partito come cortometraggio prodotto interamente da studenti, direi che non ci è andata male.»

Girare un action per le strade di Verona è una scelta abbastanza inusuale. Come l’hanno presa i docenti e i tuoi compagni di college?

«L’università è stata infinitamente coraggiosa a trattarci da adulti, lasciandoci una libertà creativa che avevo sottovalutato all’epoca. Verona per noi è casa, ma per il pubblico americano è un sogno. C’è un riscontro immediatamente “cinematografico” in luoghi come Piazza Erbe, Corso Cavour o Castelvecchio. Il regista James Wan dice spesso che, così come un ottimo casting è meta del lavoro di regia, ottime location sono metà della scenografia. Non potevamo permetterci uno scenografo, e quindi selezionavo location dove bastava puntare la macchina da presa. Una versione di Hollywood a costo zero.»

Tu hai anche un podcast, Soundstage Access, dedicato a interviste con autori e tecnici del cinema. Ce ne puoi parlare?

«Avendo la fortuna di vivere a Los Angeles, ho preso la palla al balzo e ho iniziato a chiamare agenzie e publicist di grandissimi direttori della fotografia, sceneggiatori e registi, chiedendo di poterli intervistare. Piano piano, per ogni artista che ci sbatteva il telefono in faccia, ce n’era uno che ci invitava a casa sua la domenica mattina per dialogare davanti al microfono e condividere una conversazione sul suo processo creativo. Con James Vanderbilt, sceneggiatore di Zodiac (tra i miei film preferiti in assoluto) abbiamo parlato della collaborazione con David Fincher e del lavoro meticoloso infuso nella costruzione di un copione come The Amazing Spider-Man. Con il sound designer di Jurassic Park, Gary Rydstrom, abbiamo parlato parecchio del suo dialogo creativo con Steven Spielberg e dello sbarco in Normandia di Salvate il Soldato Ryan. Proprio la settimana scorsa sono andato a casa di Jan de Bont, regista olandese di Speed e Twister, che a 77 anni pareva sparito dal settore, eppure è ancora qui. Trovo davvero speciale e istruttivo registrare queste conversazioni e poterle condividere con tutti.»

Quali progetti hai attualmente in lavorazione?

«Ho diversi progetti che sto portando avanti e che sono in stadi diversi. Trovo che il parlarne troppo porterebbe iella, ma posso dirvi che sono tutti e tre lungometraggi di generi diverso tra loro. Sviluppare progetti che variano di atmosfera e dimensioni ci permette di esplorare lati diversi delle nostre emozioni. E capita spesso che un produttore abbia simpatia per te, ma il primo progetto che gli presenti non sia interessante. E allora presenti il secondo. E il terzo. E magari è solo mentre stai uscendo dalla stanza disperato che ti chiedono se hai una quarta idea, e finisce per essere proprio quella che finanziano. È un’industria veramente strana, a volte.»

Vivendo a Los Angeles e studiando cinema, avrai certamente incontrato diverse personalità del mondo del cinema americano (anche per via del tuo podcast). Qual è stato l’incontro che ti ha più emozionato e ispirato?

«Novembre 2016. Ero a visitare una mostra di oggetti e quadri della collezione privata di Guillermo del Toro. Una raccolta talmente varia e creativamente raffinata da richiedere una seconda visita. Ed è proprio durante questa seconda visita che compare dal nulla del Toro e, con un microfono e cassa-audio portatile (come le guide di turisti con bandierina che vedi passare a Venezia!), si mette a fornire un tour privato per i 40 fortunati presenti al momento (incluso me). In meno di un’ora penso di aver preso 11-12 pagine di appunti, capendo veramente non solo quanto colto sia lui come uomo, ma come sia importante la sua abilità di trasmettere una conoscenza e un amore per l’arte ben oltre il cinema, dai lavori letterari di Mary Shelley ai dipinti di inizio Ottocento di Caspar David Friedrich. L’ispirazione può davvero provenire da ovunque.
E poi direi che non è nemmeno male quando vai al cinema il venerdì sera e ti trovi Quentin Tarantino con moglie in una saletta da 75 posti, e sorridi sentendolo ridere ad alta voce durante il film. Christopher Nolan è un altro che ama andare all’Arclight Hollywood sulla Sunset. Maglietta e pantaloncini. Da solo in coda davanti a te a prendere il biglietto. Ma è un cinema talmente “casual” che nessuno, me incluso, si avvicina per parlargli. Hanno diritto a essere lasciati in pace se non hai un particolare spunto creativo da condividere.»

Hai maturato ormai una certa esperienza. Hai dei consigli da dare a chi, come te, vuole intraprendere studi cinematografici o una carriera nel mondo del cinema?

«Le opportunità per eccellere uno deve crearsele da solo. Cito Christopher McQuarrie perché mi ha veramente insegnato molto: “Non aspettate di ricevere il permesso di fare un film. Giratelo e basta”. Imparare a scrivere, produrre, girare, e montare un film è la scuola di cinema migliore. Non tutti i film hanno bisogno di esplosioni, robot o dinosauri per riscuotere successo. Basta raccontare una storia che sia emotivamente legata alla vostra esperienza. Grandi film partono con un grande copione. E qualsiasi cosa succeda, abbiate sempre, sempre un piano di riserva.»

Facebook Comments
Marco Triolo

Marco Triolo

Marco Triolo lavora ormai da dieci anni nell'ambito del giornalismo cinematografico. Ha scritto su ScreenWeek.it, Ciak, Nocturno e tutt'ora collabora con Film.it, il sito di cinema de LaStampa.it, e con il magazine online i400Calci.com. Nel tempo libero divora film, serie televisive e fumetti, e collabora con l'associazione culturale veronese Cyrano Comics scrivendo e disegnando storie di supereroi.

marco-triolo has 13 posts and counting.See all posts by marco-triolo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial
Facebook
Twitter
LinkedIn
Google+
https://ilnazionale.net/cinema/brando-benetton-un-regista-veronese-alla-corte-di-hollywood">