L’esorcismo di Hannah Grace

«Mettete delle potenziali vittime in un obitorio di notte insieme a una posseduta e vedrete cosa accadrà.»

Una cosa è certa: in un obitorio non potrà mai accadere nulla di buono. Se poi a qualcuno viene pure in mente di portarci un cadavere posseduto dal demonio durante un turno di notte… beh, di sicuro ci sarà ben poco da ridere.

Non sono tantissimi i film ambientati in un obitorio, ma L’esorcismo di Hannah Grace non fa comunque tesoro di quello che si è visto in passato, preferendo una strada sicura e abbastanza prevedibile; anche se alcuni momenti di tensione in fondo ci sono, lo spettatore è sempre in grado di immaginare cosa accadrà nella scena successiva e, specialmente per un horror, questa non è la scelta più intelligente che una produzione possa fare.

Si pensa sempre allo spettatore-tipo del genere horror come ad uno di bocca buona, incapace di distinguere tra un film idiota e uno riuscito bene; sarebbe ora che qualcuno avvisasse chi sforna una dietro l’altra queste pellicole con una sola idea e, magari, pure dirette male, che non è così. Gli appassionati del genere sono tanti, ma tutti sono in grado di ricordarsi i titoli meritevoli visti nella propria vita, mentre le migliaia di prodottini inconsistenti finiscono subito nel dimenticatoio.

Meglio di questa ultima fatica del regista olandese Diederik Van Rooijen c’è di sicuro Autopsy, che tre anni fa ci fece fare ben più di un sussulto in quel maledetto obitorio nel quale Brian Cox e Emile Hirsch avevano a che fare con un cadavere che non voleva saperne di restare morto. Sì, praticamente è la stessa trama di questo L’esorcismo di Hannah Grace, ma sviluppata meglio malgrado un finale un po’ così.

Quindi? Quindi si è visto di peggio, ma per fortuna anche di molto meglio, per questo non mi sento di salvare del tutto questa pellicola dall’oblio.

Ah, una raccomandazione con un inutile spoiler: se ogni tanto vi dovesse scappare di assumere dello Xanax… occhio che il diavolo in persona potrebbe possedervi! E senza tante precauzioni.

Voto: 2,5/5

L’ESORCISMO DI HANNAH GRACE

Regia di Diederik Van Rooijen
Con Stana Katic, Shay Mitchell, Grey Damon, Kirby Johnson, Nick Thune, Louis Herthum e Maximillian McNamara

Facebook Comments
Corrado Benanzioli

Corrado Benanzioli

Corrado Benanzioli viene alla luce nel 1968, ma da lì a poco si renderà conto che l’unica luce veramente interessante per lui è quella del proiettore cinematografico. Malgrado la sua memoria degna di un criceto un po’ stordito, riesce a ricordarsi tutti i cinema nei quali ha visto le migliaia di film fino ad oggi, ma ancora non ha capito a cosa gli potrà servire questo super potere.

corrado-benanzioli has 31 posts and counting.See all posts by corrado-benanzioli

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial
Facebook
Twitter
LinkedIn
Google+
https://ilnazionale.net/cinema/lesorcismo-di-hannah-grace">