“Il Blues ha una mamma bianca”. I musicisti nascosti di Roberto Menabò

Chitarra acustica, scrittura, storie di musicisti di cui nessuno parla mai. O meglio: quasi mai: ci ha pensato Roberto Menabò, storico chitarrista acustico della scena blues italiana, a raccogliere, documentare e raccontare una manciata di storie di chitarristi e banjoisti bianchi dell’America degli anni ’20 e ’30. Storie di vita, prima che di musica: si trattava di minatori, contadini, barbieri, giocatori d’azzardo che, in un modo o nell’altro, si sono ritrovati con una chitarra, un banjio, o un’armonica per le mani.

Bellissimo il connubio di musica e racconto, organizzato dall’editrice indipendente Elephant Book di Sommacampagna, e presentato da Menabò questo mercoledì sera presso il Bastian Contrario di Vicoletto S.Faustino. Il musicista ha intervallato i racconti di vita alle canzoni che li accompagnavano. Il libro conclude una trilogia di Menabò, dedicata ai personaggi più nascosti della storia della musica blues, iniziata con “Vite affogate nel blues” e continuata con “Mesdames a 78 giri”. Parlare di blues e non parlare di Delta è quasi una liberazione, secondo Menabò. Parliamo infatti di personaggi che hanno vissuto soprattutto nella zona degli Appalachi, nel Carolina, si tratta spesso di minatori che hanno partecipato a lotte sindacali per le tremende condizioni di lavoro, con tradizione musicale bianca, non nera, soprattutto irlandese.

Fra il racconto e le corde della chitarra, Menabò tratteggia degli schizzi di blues e vita rude, come Il “Blues della miniera”, brano suonato in accordatura aperta, con lo slide, dalle sonorità melliflue, ispirato al lavoro dei ragazzi che spaccavano le piccole pietre durate il lavoro sottoterra. Vengono raccontati personaggi come Frank Hutchinson che, dopo aver avuto problemi di salute causati dal lavoro, comprò uno dei primi proiettori e, accompagnandosi con la chitarra, proponeva il suo spettacolo misto di musica e immagine. Morì di cancro a 40 anni, dopo una storia difficile: i bianchi non avevano niente da invidiare al “mito nero blues”.

Per ulteriori informazioni su Roberto Menabò, la sua musica, e i suoi libri: http://www.robertomenabo.it

Il sito di Elephant Books: https://www.elephantsbooks.com

Facebook Comments

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial
Facebook
Twitter
LinkedIn