Videogalateo si presenta al mondo della scuola veronese

Venerdì 31 Maggio, presso la Sala Arazzi di Palazzo Barbieri hanno avuto luogo le premiazioni di Videogalateo – I Giovani, protagonisti di un futuro migliore. L’iniziativa è stata ideata e coordinata dalla professoressa Fiorenza Cosenza, docente di Lettere della scuola secondaria di primo grado A. Pacinotti e si è rivolta agli alunni di tutte le scuole veronesi di ogni ordine e grado. L’obiettivo della proposta educativa, è stato quello di suscitare negli studenti il senso del rispetto verso la persona, l’ambiente e le cose, avvalendosi degli strumenti multimediali. Un progetto che ha vissuto due fasi. La prima ha visto nei vari plessi coinvolti l’avvio di  percorsi formativi, anche arricchiti dal contributo di professionisti esterni – Lucia Pizziolo, Giorgio Cipriani, Lorenzo Licchelli, Sonia Trapani e associazioni di volontariato quali Save the Children, Medici senza Frontiere, CeaLegambiente, Maram Foundation, Isolina, Gli Angeli del Bello, Nadia Onlus – con l’intento di promuovere l’acquisizione di un’etica dell’agire personale e nuovi stili di comportamento orientati al raggiungimento del bene comune. Nella seconda, invece, gli studenti hanno ideato e realizzato dei video, aventi appunto messaggi educativi a tema il rispetto. Il supporto multimediale è diventato quindi uno strumento di autoformazione per sollecitare nuove consapevolezze nei ragazzi, di sensibilizzazione collettiva, più in generale di mezzo didattico.

Il logo di VideoGalateo realizzato dall’artista Sergio Piyadi

Durante i vari interventi, tra cui segnaliamo l’apertura dell’avvocato Alessandro Pignatelli, dirigente della direzione Politiche Educative, Scolastiche e Giovanili, l’attesa delle premiazioni era palpitante. Davvero coinvolgente la presenza di tanti bambini e ragazzi di varie età, tutti in trepidante attesa di un agognato premio, dai più piccoli della ascuola materna agli adolescenti. La Sala Arazzi, così maestosa e formale, deve aver provocato un po’ di soggezione nei giovani partecipanti, ma l’emozione per l’evento era palpabile anche tra genitori e insegnanti, entusiasti per un’avventura senza dubbio di grande gratificazione professionale e umana. Il momento più toccante è avvenuto dopo le premiazioni – effettuate dal professor Luciano Carazzolo, dal dottor Giorgio Cipriani e dal Consigliere della Giunta Comunale Paola Bressan, a nome dell’Assessore Stefano Bertacco –, durante la messa in onda dei video vincitori e realizzati dalle diverse classi.

Premiazione dei bambini della scuola dell’infanzia Sansovino-Tatti

Si è cominciato con un richiamo suggestivo ai positivi utilizzi delle mani, colorate e festose dei bambini delle scuole materne, per proseguire con le parole gentili, troppo spesso dimenticate. Si è passati poi a un breve, ma intenso contributo in merito alla libertà di scelta, nel comportarsi bene o male, nell’avere cura delle cose e dell’ambiente. Un momento di riflessione estremamente rilevante, in quanto, specie durante l’adolescenza, i giovani hanno timore di dissociarsi dai comportamenti della massa, del branco, mentre viceversa è sacrosanto affermare a gran voce che c’è sempre una scelta diversa possibile, anche se controcorrente. Si è infine terminato con un commovente cortometraggio sul bullismo. Protagonista una giovane ragazza che comincia a perdere la fiducia in se stessa a causa di insulti e sfottò in ogni momento della giornata da parte dei compagni. A salvarla dalla disperazione arriva l’intervento di altri ragazzi che l’aiutano ad aprirsi, a parlare della sua esperienza.
Ogni video, non solo quelli premiati, ha trattato argomenti di estrema attualità, difficili da affrontare per la Scuola e per le famiglie.
Ben vengano dunque progetti come VideoGalateo che contribuiscono a formare l’etica e il buon senso civico nelle nuove generazioni, attraverso esperienze didattiche non abituali e pertanto ancora più incisive. Momenti che sono utili anche a favorire il confronto tra diverse generazioni, ad apprendere il lavoro in team, a diventare soggetti attivi della propria formazione, non come spesso avviene, a riceverla passivamente.
– patrocinato dal Comune di Verona tramite l’Assessorato all’Istruzione e promosso direttamente dall’IC Stadio Borgo Milano, sotto la Reggenza della professoressa Anna Capasso – si è concluso con l’auspicio che, per il prossimo anno scolastico, il progetto Videogalateo possa coinvolgere molte altre scuole della nostra città.

Facebook Comments

Lorenzo Mori

Lorenzo Mori, nato a Verona 11 anni dopo l'alluvione di Firenze e pochi mesi prima del rapimento Moro, si alterna tra la professione di consulente free lance (un po' commercialista, un po' controller) e il ruolo di allenatore di pallavolo. Papa' da qualche anno, ha sempre sognato di scrivere un trattato sulla città ideale, ma non lo farà mai; nel frattempo importuna gli amici di Facebook con post di lunghezza immane e pesantezza insopportabile. Nostalgico quanto basta della "polis" greca e dei campioni alla Roberto Baggio, è soprattutto appassionato di neve e boschi e il suo motto preferito, di gucciniana memoria, è: "Uscir di casa a vent'anni è quasi un obbligo, quasi un dovere"

Lorenzo Mori ha 23 articoli e più. Guarda tutti gli articoli di Lorenzo Mori

Lorenzo Mori

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial
Facebook
Twitter
LinkedIn