Ottolini-Bosso: ritorno alle origini del jazz

In un Teatro Romano tristemente vuoto, nemmeno la platea era colma, l’altro giorno, mercoledì 19 giugno, si è aperta la stagione jazzistica veronese con un progetto alquanto curioso, Storyville Story: un’immersione nel jazz delle origini. Storyville era un famoso quartiere a luci rosse di New Orleans dove è nato il jazz. Il vivace trombonista veronese Mauro Ottolini si contorna di una band che di primo acchito sembra mancare degli strumenti classici per una rilettura del genere, l’assenza del clarinetto e del contrabbasso. Lo accompagnano il generoso Fabrizio Bosso alla tromba, Paolo Birro al pianoforte, Glauco Benedetti al sousaphone, Paolo Mappa alla batteria e Vanessa Tagliabue Yorke alla voce.

L’arrangiamento di pezzi tradizionali come New Orleans Memphis o St. Louis Blues viene studiato accuratamente dall’artista veronese (che oltre a essere un virtuoso dello strumento è dotato di notevoli capacità compositive) e non sentiamo la mancanza né del contrabbasso (sostituito egregiamente dai toni gravi del sousaphone) e nemmeno del clarinetto: tromba e trombone creano un magistrale interplay ottenendo una perfetta intesa. Il blues sgorga a piene mani nel jazz delle origini, proprio perché ne era la componente principale. Da segnalare la splendida voce della Tagliabue nel brano Si tu vois ma mère di Sidney Bechet che, pur non possedendo il timbro bluesy caldo e avvolgente che ci si aspetterebbe, ripropone una sonorità più algida e ariosa che si adatta con ottimi risultati al materiale trattato. Bosso sfoggia preziosi interventi con un uso sapiente della sordina. Paolo Birro si adatta al repertorio con maestria ricordando il magico tocco di Jelly Roll Morton.

The Memphis blues scritta da W. C. Handy segna l’ennesimo omaggio a uno dei padri del blues: la maggior parte dei brani proposti nelle serata sono nati dalla penna del compositore dell’Alabama.

Il concerto, inerito nell’Estate Teatrale Veronese, si chiude con due bis sempre di W. C. Handy tra cui Yellow Dog Blues uno dei suoi motivi di maggior successo.

Pubblico appagato e, in conclusione. ancora una volta l’occasione di ascoltare all’opera uno dei più prolifici e poliedrici jazzisti italiani di questi ultimi anni.

Facebook Comments

Nicola Barin

Nicola Barin è da sempre un appassionato di musica jazz e di cinema. Dal 2008 al 2017 ha condotto il programma di musica jazz "Impulse Jazz" per l'emittente radiofonica Radio Popolare Verona. Dal 2016 conduce per la radio web www.yastaradio.com il programma di musica jazz "Storie di Jazz" Collabora inoltre con i magazine on-line: www.jazzconvention.net, www.jazzitalia.net, www.distorsioni.net, www.silenzioinsala.com e per la testata giornalistica di cultura musicale www.sound36.com. Rimasto folgorato dalla lettura del libro "La Nausea" di Jean-Paul Sartre in adolescenza si intestardisce e continua gli studi scellerati laureandosi in filosofia. Il cinema diventa la sua missione e, dopo la scoperta del programma Fuori Orario di Enrico Ghezzi, si appassiona al cinema d'autore. Frequentatore assiduo di sale cinematografiche è paradossalmente convinto che, citando Godard, ....il cinema è la verità 24 volte al secondo.

Nicola Barin ha 15 articoli e più. Guarda tutti gli articoli di Nicola Barin

Avatar

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial
Facebook
Twitter
LinkedIn