Sanremo 2020: il (pre)pagellone.

Se c’è chi commenta articoli senza leggerli o disserta di tutto dopo una laurea all’Università della vita, non vedo perché non si possa “pagellare” il Festival di Sanremo prima che inizi.

Pertanto, grazie alla mia solidissima cultura musicale e al costante supporto del Web:

Achille Lauro – L’anno scorso  si gridò allo scandalo. Sto giro, per non sbagliare, si presenta alle foto ufficiali agghindato come quei divani che trovavi a casa delle zie anziane, quelle che i tuoi ti costringevano ad andare a salutare perché eri un bravo bambino.

Alberto Urso (Web 1) – Una combo tra Il Volo e il cantante piacione da social. Sanremo non poteva farselo scappare.

Divani, pizzo e caramelle Rossana

Anastasio – Accusato di essere fascista e avere simpatie salviniane. In una recente intervista ha dichiarato che «la vera arte la trova in De Andrè»… Luca Morisi, sei tu?

Bugo & Morgan – Vedi te cosa si è costretti a fare per pagare le rate del mutuo. D’altronde lo diceva sempre il primo dei due: c’è crisi.

Diodato – Si presenta con la canzone Fai rumore, dedicata all’artista che segue. Onesto.

Elettra Lamborghini – «Mi piace la musica fino al mattino/ Faccio casino lo stesso ma non bevo vino/Ridi cretino/La vita è corta per l’aperitivo/Innamorata di un altro cabrón/Esta es la historia de un amor». Immaginate la riunione artistica che ha dovuto giudicare il brano per ammetterlo al Festival.

Elodie – Dicono che il suo pezzo sarà un sicuro successo radiofonico. Porta meno sfiga il bacio di Giuda.

Enrico Nigiotti – Un po’ Lorenzo Lamas e un po’ Raz Degan, ma col cuore da cucciolo tenerone. Al primo mezzo sussurro della sua esibizione la produzione di estrogeni in sala stampa salirà a livelli di guardia. Alzeremo le paratie.

Francesco Gabbani – Ha la mia stima solo per aver scelto, durante la terza serata, di riproporre L’italiano di Toto Cutugno. Lasciatelo cantare.

La giuria chiamata a scegliere su Elettra Lamborghini

Giordana Angi (Web 2) – Cito più o meno testualmente da varie fonti: «artista 23enne apertamente omossessuale che ha fatto coming out durante una puntata di “Amici” e recentemente a una testata di gossip ha rivelato di avere una fidanzata». Li sentite anche voi i tweet di Adinolfi che si scaldano?

Irene Grandi – Tra gli autori del suo brano spunta il nome di Vasco Rossi. A voi scoprire per quali vocali verrà accreditato.

Junior Cally – Sarebbe stato lui Web 3 se non fosse partita tutta la polemica sui suoi vecchi testi. Così mi sono ascoltato qualcosa su Youtube. Certe volte si sta meglio nell’ignoranza.

Le Vibrazioni – Cercando di documentarmi sulla loro presenza, trovo invece vari articoli grazie ai quali vengo a conoscenza che la ex di Sarcina è tale Clizia Incorvaia. Digito il suo nome su Google per capire di chi si tratti e appaiono sei o sette pagine di risultati (quelle a cui mi sono fermato) su dichiarazioni o atteggiamenti di questa dentro al “Grande Fratello Vip”. Comincio a pensare che ai dinosauri, quella volta, non sia andata poi così male.

Levante – È sempre bello quando un personaggio immortale del cinema si presta alla musica. Per tutte, bastino «… tappami Levante, tappami se tu mi vò bene!» e «Oh ‘ndo ell’è la Catalana? – Ignorante, è un modo di dire, ‘un esiste mica, è come dire l’Atalanta, la Sampdoria, ‘un esiste mica l’Atalanta!».

Marco Masini – Gennaio 2003, macchinata per una qualche trasferta calcistica giovanile. «Vieni principessa ti porto via con me, ci sarà in questo mondo di merdaaaaaa…». A squarciagola. In quattro. Erano anni che dovevo fare i conti con questa cosa, scusate.

Michele Zarrillo – Tredicesima volta al Festival. Devi aver fatto qualcosa di veramente grave nella tua vita precedente per essere condannato a una tale espiazione.

La famiglia Quarini attende trepidante l’esibizione del figliuolo Levante

Paolo Jannacci – Nella serata dei duetti /amarcord proporrà Se me lo dicevi prima di papà Enzo. Una delle poche cose che sono davvero curioso di ascoltare.

Piero Pelù – Ora, Piero, parliamoci chiaro. Io lo so che non sei più quello di Fata Morgana o El Diablo, vediamo di non fare cazzate però.

Pinguini Tattici Nucleari – Serve sempre un gruppo dal nome simpatico che suoni qualcosa di un po’ strano e sia pronto a ripercorrere la strada de Lo Stato Sociale che dopo il Festival di due anni fa sono andati incontro a un crescente e inesorabile successo. Da ripetere tutta d’un fiato.

Rancore – L’anno scorso, assieme a Silvestri, gli abbiamo assegnato il premio Sala Stampa “Lucio Dalla”. È stato una bella sorpresa, ora aspetto il salto di qualità.

Raphael Gualazzi – ‘Sto giro tifo per lui. Che non si dica che non mi voglio esporre.

Riki (Web 3) – Internet definisce Francesco Facchinetti come suo mentore e manager. E che sarebbe colpa proprio di Riki se Facchinetti ha litigato con Irama, che se l’è presa perché il figlio del buon Roby preferisce Riki a lui? “Beautiful” levate proprio.

Rita Pavone – Truccatori e tecnici delle luci dell’Ariston avranno il loro bel da fare. Temo una Patty Pravo 2.0.

Tosca – Ma ve lo ricordate il Festival del ’96, quando vinse in coppia con Ron cantando Vorrei incontrarti tra cent’anni? Ve le ricordate Sabrina Ferilli e Valeria Mazza? E tutto il casino del primo posto rubato ad Elio, i carabinieri che controllano le schede e Luciano De Crescenzo che accusa Pippo Baudo di essere un conduttore stalinista? Ah, che belli i Sanremo senza polemiche di una volta.

BONUS TRACK

Amadeus – E dire che gli sarebbe bastato non duettare con qualsiasi persona passasse sul palco per risultare meno antipatico di Baglioni. E invece… poro omo.

L’Apparatčik Pippo Baudo premia due contadine per la straordinaria produzione stagionale nei loro Kolchoz
Facebook Comments

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial
Facebook
Twitter
LinkedIn