Arrivederci, Serie A

Immagine119 MAGGIO – La si temeva e la si aspettava, ma alla fine la matematica, inflessibile, è arrivata. Il Cagliari, dopo undici anni di onorata militanza, saluta la cheap oakleys sunglasses massima divisione del calcio italiano e lo fa nel peggiore dei modi. A nulla è servita la tanto sperata sconfitta dei diretti concorrenti atalantini in campo genoano: i rossoblù infatti sono usciti sconfitti dalla sfida casalinga contro il Palermo e ancora una volta si sono fatti del male con le loro stesse mani. Serviva una prova d’orgoglio, una squadra cattiva, cinica Cheap Jordans e arrembante, capace di mettere sotto un avversario certamente di buon livello, ma con la testa già rivolta all’anno venturo; e invece al S.Elia, in un torrido pomeriggio, simple si è vista una prova immancabilmente deludente, una delle tante di questa deludente stagione.

Quello 2014\2015 è stato un campionato difficile, sofferto e tribolato. Da dimenticare, insomma. Eppure avrebbe dovuto essere l’annata di una grande rinascita, alimentata da grandi promesse dal sapore europeo, fatte da uomini che avrebbero dovuto portarci verso lidi lontani. E invece il sogno si sono lentamente trasformati in un incubo e insieme alle venti sconfitte stagionali – a malapena addolcite da sei vittorie e dieci pareggi – squadra e società hanno fatto una ricca collezione di ingenuità, indecisioni, contraddizioni e incertezze. Il buffo valzer di allenatori, i mancati innesti decisivi, le scelte tecniche discutibili e l’illusione di una salvezza raggiungibile nelle ultime giornate hanno piano piano scritto Fake Ray Bans un destino che in pochi hanno accettato di guardare in faccia. Almeno sino all’ultima domenica.

A farne le spese, i tifosi, arma in più nell’ultima decade di Serie A, ora invece rabbiosi, sino ai limiti della violenza, nei confronti di giocatori colpevoli, a parer loro, di nutrire poco amore per una maglia e per un glorioso bicolore.

La Sardegna scende in Serie B. Finiti i tempi dei festeggiamenti in pompa magna, delle strombettate e dei caroselli. A Cagliari e al Cagliari restano solo le lacrime e il rammarico di non aver saputo fare di più nel tempo a sua disposizione, in un fiume di nostalgici ricordi che sfocia nfl jerseys shop in un mare di fischi.

Gianmarco CossuWatch movie online The Transporter Refueled (2015)

Facebook Comments
Avatar

Gianmarco Cossu

Nato a Cagliari nel 1988, è un appassionato di giornalismo sportivo e ovviamente gran tifoso della squadra della sua città. Laureato in Lettere e specializzando in Linguistica Moderna, è uno speaker radiofonico di UnicaRadio e segue con interesse i vari eventi che vedono protagonista il capoluogo della sua Sardegna.

gianmarco-cossu has 56 posts and counting.See all posts by gianmarco-cossu

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial
Facebook
Twitter
LinkedIn
Google+
https://ilnazionale.net/senza-categoria/arrivederci-serie-a">