Fondi in arrivo a sostegno delle Ville Venete

Villa_Pisani_piscina24 APRILE – Le Ville Venete vedono finalmente arrivare fondi a loro tutela, nonostante la 더욱더 gravità della situazione economica attuale e le spesso richiamate difficoltà di reperimento dei finanziamenti. Queste sovvenzioni sono state predisposte dall’Istituto regionale per le Ville Venete –IRVV- che, per l’anno in corso, si impegna ad erogare mutui a tasso particolarmente agevolato e comunque ammortizzabili in quindici anni, al fine di provvedere ad urgenti misure di restauro, consolidamento e mantenimento delle strutture esistenti.

In una regione Cheap nfl Jerseys come il Veneto, disseminata delle opere di Andrea Palladio e dei suoi allievi, questi fondi erano attesi da tempo, nel rispetto di quanto previsto dal Codice dei beni culturali e del paesaggio –d.lgs. 42/2004-. L’aspetto più interessante dell’iniziativa è legato al fatto che l’IRVV concederà in tutto o in parte “un abbuono sugli interessi e una riduzione del debito” nella misura massima del 20 per cento della somma capitale, una volta ottenuto il regolare pagamento dell’importo previsto. Requisito fondamentale per beneficiare del bando è l’accessibilità al pubblico della villa, considerando il valore cheap nfl jerseys artistico della stessa e la portata degli interventi in corso. Il valore complessivo dei finanziamenti ammonta inoltre a quattro milioni di euro, dei quali 600mila non ray ban sunglasses sale necessitano cheap oakleys sunglasses di restituzione in quanto emessi a fondo perduto. Per la parte restante della somma ottenuta a mutuo, qualora questa superi quota 600mila, vengono comunque previsti Oakleys sunglasses Outlet interessi molto bassi in capo ai proprietari o ai possessori dell’immobile.

Di preferenza, l’ente veneto intende devolvere le risorse disponibili a coloro che vogliono avvalersi delle migliori tecnologie per effettuare i restauri. Nello stanziamento delle risorse, esso darà la precedenza ai progetti presentati direttamente dalle aziende artigiane incaricate dei lavori e alle domande presentate da enti pubblici o soggetti privati che siano proprietari o possessori di immobili di indiscusso interesse culturale nelle zone terremotate dell’Emilia Romagna.

 

Silvia Dal Maso

Lascia un commento

Pin It on Pinterest