Grunge is dead

kurt121 FEBBRAIO – A quasi vent’anni dalla morte di  Kurt Cobain, possiamo dire con fermezza che il Grunge è morto.

Nessun gruppo è riuscito a dare nuova linfa a questo genere musicale, nato e cresciuto negli anni ’90, attraverso le musiche dei Nirvana, dei Melvins, dei Bush, dei Pearl Jam, dei Soundgarden, degli Stone Temple Pilots, dei Silverchair, degli Alice in Chains, dei Temple of the Dog, dei Mother Love Bone. Questi sono i gruppi che hanno dato vita alla vera essenza del grunge e con la morte di Kurt si è spenta un’epoca musicale. Dal 1994 in poi, tutti questi gruppi – metà di loro si sono sciolti poco tempo dopo – hanno intrapreso carriere musicali più soft, più melodiche, meno aggressive, allontanandosi da uno stile di vita e di pensiero, creato e generato dalla musica nfl jerseys cheap di Seattle degli anni’ 90.

Lo stile grunge ha formato generazioni intere di giovani, esiliati dalla società e dai suoi ritmi veloci e assurdi di quegli anni, dell’epoca degli yuppies e del boom economico. Uno stile che si è ispirato al punk del decennio precedente ma ha saputo trasformare le sue ideologie troppo estremiste e assurde, in un coro di potreste e di insoddisfazione Oakleys sunglasses Outlet che potesse essere accolto e compreso da tutti. Il genere grunge comunicava rabbia attraverso  riff e assolo di chitarra rimasti indelebili nella storia musicale e attraverso testi pregni di sofferenza. Quella era vera sofferenza e vera rabbia.

<p style="text-align: oakley sunglasses for men justify;”>Kurt Cobain, Layne Stanley degli Alice in Chains, Birchbark Andrew Wood dei MotherLove Bone, sono diventate icone grunge, purtroppo lasciandoci prematuramente e creando dei vuoti artistici incolmabili.

Kurt-Cobain-VIKurt Cobain avrebbe compiuto 46 anni il 20 febbraio. Non si può dire che ci manchi, perché la sua morte ne ha consacrato il mito: se fosse ancora vivo lo vedremmo parlare su Twitter o su Facebook, oppure ascolteremmo le sue interviste al David Letterman Show, a parlare di politica e soprattutto dovremmo sopportare le migliaia di fan quindicenni ai suoi cheap football jerseys concerti, a cantare canzoni vecchie di quasi trent’anni, scritte quando le generazioni cheap nfl jerseys di giovani erano vive e combattevano in piazza, non dietro ad un computer.

Sentiamo la mancanza di quella musica che ha dato la possibilità di staccarci da quel rock oramai standardizzato degli anni ’80, regalandoci un respiro e dandoci soprattutto un’alternativa, proponendo un nuovo sound più duro ma distante anni luce dalla volgarità del punk e dall’inquietudine del metal.

Nella sua lettera di addio, Kurt cita Neil Young e dice: “Meglio bruciare in fretta, che spegnersi lentamente”: il grunge si è bruciato in un attimo, prima che potesse essere ripetitivo, scadente e commercializzato. Uno dei pochissimi ad essersi sottratto al meccanismo sociale di banalizzazione dei fenomeni.

 

Federico Trevisani

 

 

Facebook Comments

Federico Trevisani

Nato in un giorno di maggio, un quarto di secolo fa, ho passato gli ultimi lunghissimi anni universitari tra la cittadina della Ruina Dantesca e la città alla quale Shakespeare ha dedicato intere opere. E qui si conclude tutta la mia cultura. Tutto il resto l'ho appreso da "Cioè".

Federico Trevisani ha 4 articoli e più. Guarda tutti gli articoli di Federico Trevisani

Avatar

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial
Facebook
Twitter
LinkedIn