Impresa Corini: si riparte con lui?

14 MAGGIO – Corini e i suoi ragazzi ce l’hanno fatta. Hanno raggiunto l’obiettivo della salvezza cheap Oakleys sunglasses e il Chievo, l’anno prossimo, disputerà il tredicesimo campionato in serie A  della sua storia. Una piccola impresa per il tecnico di Bagnolo Mella, che tanto piccola, a dire il vero, non è. Giunto a novembre per sostituire Sannino (complice, ma non unico responsabile, di un inizio di stagione a dir poco disastroso), Corini ha recuperato pian piano posizioni e dopo un intero girone di ritorno in cui è riuscito ad ottenere alcune importanti vittorie negli scontri diretti (Catania, Genoa, Livorno) ha colto l’ultima fondamentale vittoria domenica scorsa a Cagliari, contro i rossoblù di Pulga.  La contemporanea vittoria del Catania a Bologna ha contribuito a sancire la matematica salvezza e domenica prossima, contro l’Inter, il popolo clivense potrà festeggiare una serena serata di festa. Sarà forse l’occasione per vedere in campo anche qualche giocatore che ha giocato meno (Paredes, Claiton, Bernardini, Lazarevic, Calello, etc.). Poi il sciogliete le righe e il balletto oakley outlet “Corini si, Corini no” che ha già allietato (si fa per dire)  il post campionato l’anno scorso e che vedremo, probabilmente, anche quest’anno. Di certo, a nostro avviso, Corini meriterebbe di poter iniziare un campionato fin dalla preparazione estiva, poter influenzare le scelte di mercato e giocarsi le proprie chance dal principio di una stagione. Il tecnico ha già dimostrato, nel bene e nel male e per due campionati consecutivi, di saper portare a termine un compito cogliendo due salvezze complicate, la seconda più della prima. Certo qualche perplessità quest’anno è nata (la gestione dello spogliatoio, il modulo con la difesa a 5 che non ha mai convinto), ma nel complesso ha saputo raddrizzare la baracca e ottenere i risultati che la dirigenza gli chiedeva. E’ uomo intelligente, in grado di imparare dai propri errori.  Eppure pare che Cheap Jordans nonostante ciò ci siano perplessità sulla sua riconferma. Ma ci sarà tempo per parlarne.

corini

L’ideale abbraccio di Corini al popolo gialloblù

Di certo le valutazioni dovranno concernere anche (e speriamo, soprattutto) gli errori commessi in fase di impostazione, la scorsa estate. Con serenità, ma anche severità. Mai come nel 2013-2014, infatti, il Chievo ha rischiato di retrocedere e se si vuole evitare di rivivere una stagione tormentata come quella che si chiuderà domenica sera si dovrà ricostruire ben più di mezza squadra e porre le basi per un nuovo ciclo. Onestamente quest’anno Global il Chievo si è salvato (lo ricordiamo, a 33 punti) solo grazie alla disarmante scarsezza di Bologna (privo, da gennaio, del suo uomo migliore: Diamanti) e Livorno e del tardivo risveglio del Catania. In altri campionati alla stessa quota sarebbe retrocesso e se quest’anno è andata bene, non si può sempre fare affidamento sugli altri. Anche perchè il Chievo, hockey jerseys nella sua storia, non lo ha mai fatto. Ha sempre contato sulle proprie forze e quando si è salvato lo ha fatto  lottando con le unghie e con i denti e gettando sempre il cuore oltre l’ostacolo. Ma in passato i mezzi tecnici della squadra erano sicuramente superiori. A partire da un centrocampo che comunque poteva contare, anche nelle annate meno entusiasmanti, su interpreti di spessore più elevato rispetto a quello che si è potuto schierare quest’anno. Non ce ne vogliano i vari interpreti della mediana gialloblù…ma i Bradley e i Constant (e non stiamo parlando di campioni, anzi…) erano comunque un’altra cosa.

dainelli

Il decisivo gol di Dainelli a Cagliari dal sito www.unionesarda.it

Una volta risolta la “questione” allenatore, si dovrà cheap jerseys allestire una rosa competitiva, pur facendola conciliare con le esigenze di budget. Vendere quei due o tre pezzi pregiati (Rigoni? Thereau?), confermare alcuni fra gli uomini che si sono ben comportati quest’anno (Dainelli, Radovanovic, Paloschi) e rinnovare in generale nei tre settori per riproporsi a buoni livelli. Sia chiaro: la dimensione del Chievo è quella evidenziata quest’anno e probabilmente non sarà l’unico campionato in cui l’obiettivo della salvezza viene raggiunto alla penultima giornata. Ma a volte basta davvero poco per ritrovare l’entusiasmo di epoche passate. Basterebbe puntare, magari, anche su qualche buon giovane in più (a proposito: perchè non “promuovere” qualche elemento della meravigliosa Primavera di Nicolato in prima squadra?) per risparmiare soldi preziosi e riuscire successivamente, dopo averlo valorizzato, ad ottenere importanti plus valenze in grado di far ripartire la “macchina” di Sartori, che pare da qualche stagione essersi inceppata.

 Ernesto Kieffer

Facebook Comments

Ernesto Kieffer

Inizia nel 2000 a collaborare per alcuni periodici veronesi come “L’Altro Giornale”, “L’Adige” e “Verona Fedele” e ottiene nel 2002 il patentino di Giornalista Pubblicista. Laureato in Giurisprudenza nel 2003, è da quello stesso anno addetto stampa, organizzatore e presentatore di eventi. Oggi è radiocronista sportivo e giornalista - fra gli altri - de "Il Nazionale - Verona" dove è caporedattore Politica&Attualità. Si è dedicato, nel corso di tutti questi anni, al cinema, alla musica, allo sport, senza disdegnare l'approfondimento e la cronaca. Pratica con “inequivocabili” risultati il calcio e millanta di essere un musicista. Ma sono notizie false e tendenziose.

Ernesto Kieffer ha 124 articoli e più. Guarda tutti gli articoli di Ernesto Kieffer

Ernesto Kieffer

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial
Facebook
Twitter
LinkedIn