Lo stop alle importazioni in Russia: gli occhi del consumatore

<img class="alignleft size-large wp-image-18438" cheap nfl jerseys src=”https://ilnazionale.net/wp-content/uploads/2014/09/image-19-444×331.jpeg” alt=”image-19″ width=”444″ height=”331″ srcset=”https://ilnazionale.net/wp-content/uploads/2014/09/image-19-444×331.jpeg 444w, https://ilnazionale.net/wp-content/uploads/2014/09/image-19-322×240.jpeg 322w” sizes=”(max-width: 444px) 100vw, 444px” />MOSCA 24 SETTEMBRE – All’indomani delle sanzioni imposte dall’Occidente alla Russia e dell’annuncio da parte di questa dello stop alle importazioni, già scompaiono dai supermercati della federazione le più comuni merci di provenienza europea. Nei carrelli ora troviamo vini e oli d’oliva georgiani, formaggi rigorosamente russi, frutta e verdura sudamericane e asiatiche. “Fino a poco tempo fa acquistavo sempre pomodori e arance provenienti dall’Italia perchè li ritengo i migliori, ma ora sono completamente stati ritirati dal mercato” spiega Sonija, studentessa dell’MGU (Università statale di Mosca).
image-6I pochi prodotti italiani che persistono tra gli scaffali sono vini e oli, mentre la pasta sta via via lasciando il posto alla sua versione made in Russia. Tuttavia ora il prezzo di queste merci è aumentato in maniera esponenziale, costringendo i consumatori ad orientarsi verso i più convenienti prodotti russi o georgiani.
Questo incremento dei prezzi non può che giovare alle aziende russe che ora vedono un incredibile aumento di vendite ad esempio del “Rossijskoe šampanskoe”, la versione russa dello champagne, che dell’originale ha ben poco. Di fronte ad uno scaffale di spumanti dove il prosecco italiano costa 450-500 rubli (attorno ai 10 euro) e lo champagne russo appena 160 rubli (circa 3 euro), la scelta per molti consumatori (soprattutto se poco esperti in materia di vini) diventa obbligata.
image-16Lo stesso cheap oakleys vale per i bianchi e rossi da tavola italiani, francesi e spagnoli che si aggirano attorno ai 400 o 500 rubli e che cedono il posto nei carrelli agli innumerevoli vini provenienti Cheap Ray Bans dalle regioni del Caucaso, il cui prezzo rimane stabile sui 250 rubli. La nicchia dedicata ai vini europei negli scaffali tende ad assotigliarsi, mentre a farla da padrone sono proprio questi altri vini caucasici. image-18Lo stesso succede per l’olio d’oliva: quello di marchio italiano supera i Shipping 500 rubli, mentre quello russo rimane attorno ai 100.  A soffrire di questa situazione sono, qui in Russia, soprattutto i numerosi ristoranti italiani, che non riescono più a procurarsi i più comuni formaggi italiani per servire i propri clienti.
Non è però solo il reparto alimentare quello a risentire di questa situazione, ma anche il settore dell’abbigliamento. Se già prima di questa crisi internazionale acquistare capi occidentali in Russia voleva dire pagarli discretamente di più, ora i prezzi generalmente sono triplicati rispetto all’Europa.

image-14La crisi economica non ancora superata sarà ancora più difficile ora da risanare. La Russia da sempre è stato un grande partner economico per l’Europa; perderlo ora che già il vecchio continente sta vivendo un periodo di recessione pericoloso, può soltanto peggiorare la situazione.  Le restrizioni commerciali, che in Italia Cheap Jerseys From China vanno a gravare sulle esportazioni, potranno solo causare un aumento della deflazione. Ancora una volta le mosse politiche internazionali hanno dimostrato di avere ben più di un risvolto nell’ambito socio-economico, e soprattutto se prese con cheap oakleys troppa leggerezza e senza prevederne le conseguenze, possono portare a situazioni veramente critiche.

Martina Napolitano

 

 

 

Facebook Comments

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial
Facebook
Twitter
LinkedIn
Google+
https://ilnazionale.net/senza-categoria/lo-stop-alle-importazioni-in-russia-gli-occhi-del-consumatore">