Musica per tutti sulle ali del virtuosismo pianistico

Alberto Nosè e Maria Rita Schenato

Alberto Nosè e Maria Rita Schenato

20 GIUGNO – Due giorni di eccezionale full-immersion nella musica del pianoforte hanno contraddistinto lo scorso week-end, quando il famoso pianista Alberto Nosè, classe 1979, ha fatto tappa a San Bonifacio (VR) e a Lonigo (VI). In particolare, nella Sala Convegni leonicena, Nosè ha proposto la Petite Suite di Claude Debussy ed ha suonato con le colleghe Valentina Fornari, Maria Beatrice Boscaro e Maria Rita Schenato. Il 15 giugno si è invece esibito con il gruppo musicale Verona QWindet presso l’Ospedale Fracastoro, eseguendo anche brani tratti dal repertorio di Vincent D’Indy, Albert Roussel e Francis Poulenc.

Alberto Nosè esegue Debussy

Alberto NFL Jerseys Cheap Nosè esegue Debussy

Nosè è famoso per 1 aver ottenuto il suo primo riconoscimento ad appena 11 anni, vincendo il concorso internazionale Jugend für Mozart di Salisburgo e compiendo così anche il suo primo tour musicale tra Italia, Francia e Austria. Nel 1999 si è distinto perché ha conquistato il 2˚ Premio al Concorso Pianistico Internazionale Ferruccio Busoni di Bolzano cui è seguito, nel 2002, un altro riconoscimento con il London World Piano Competition e, nel 2005, il Gran Prize e l’Audience Prize del Concurso de Piano de Santander in Spagna. Una carriera costellata quindi da notevoli successi e da una fama che lo precede ovunque vada, anche se Nosè sorvola sul suo curriculum con evidente modestia. Forse alcuni non lo sanno, ma il maestro si è formato proprio a Verona, al Conservatorio «E.F. Dall’Abaco», sotto la guida di Laura Palmieri e Virginio Pavarana. Ha poi proseguito gli studi sotto la guida di Franco Scala, Boris Petrushansky e Leonid Margarius presso l’Accademia Pianistica Internazionale di Imola, conseguendo il Piano Master nel 2005.

Ad oggi ha collaborato con molti noti direttori, tra i quali Roy Goodman, Marcus Bosch, discount oakley Alain Lombard e Enrique Mazzola e si è esibito nelle più prestigiose sale da concerto d’Europa e del mondo, tra le quali spiccano la Canergie Hall di New York, il Konzerthaus di Berlino, il Teatro La Fenice di Venezia e molte altre ancora -Salisburgo, Parigi, Tokyo e anche Rio de Janeiro-. Nel 2009, il Rotary International gli ha attribuito il titolo di PHFPaul Harris Fellow-, premiando la sua carriera e soprattutto la passione con la quale ha esportato nel mondo l’amore per la musica.

<img class="size-large wp-image-18125" src="https://ilnazionale.net/wp-content/uploads/2014/06/Week-end-14-e-15-giugno-2014-2-444×333.jpg" alt="Maria Beatrice Boscaro e Maria Rita Schenato" width="444" height="333" cheap nba jerseys srcset=”https://ilnazionale.net/wp-content/uploads/2014/06/Week-end-14-e-15-giugno-2014-2-444×333.jpg 444w, https://ilnazionale.net/wp-content/uploads/2014/06/Week-end-14-e-15-giugno-2014-2-322×241.jpg 322w” sizes=”(max-width: 444px) 100vw, 444px” />

Maria Beatrice Boscaro e Maria Rita Schenato

La serata è stata scandita da molti brani interessanti proposti dagli allievi della scuola di musica della collega Maria Rita Schenato, anche lei pianista di lungo corso e cantante soprano in opere quali la Traviata, l’Elisir d’Amore, il Barbiere di Siviglia e la Bohème. La docente ha introdotto e spiegato i tratti salienti dei brani interpretati dai giovani allievi, facendo apprezzare al pubblico il retroscena storico nel quale essi sono nati. Ad accompagnare i pianisti in erba è stata Maria Beatrice Boscaro, diplomata a sua volta al Conservatorio di Verona e perfezionatasi poi al «Benedetto Marcello» di Venezia. Amante di Debussy e di molti altri celebri compositori, la pianista ha già partecipato a sua volta con profitto a molti concerti ed ha accompagnato gli allievi più piccoli nell’esecuzione di opere semplici ma significative, che hanno evidenziato come lo studio del pianoforte richieda da subito un NFL Jerseys China impegno costante e un sacrificio non indifferente.

Alberto Nosè e Valentina Fornari al pianoforte

Alberto Nosè e Valentina Fornari al pianoforte

Valentina Fornari, che ha suonato con Nosè alcuni brani, è attualmente impegnata come docente dell’Accademia Musicale Jacopo Foroni jordans for sale di Valeggio sul Mincio ed insegna anche alla scuola secondaria inferiore di Lazise. Ha conseguito a pieni voti il diploma accademico di secondo livello in pianoforte sotto la guida di Isabella Lo Porto ed ha poi ottenuto una laurea in riabilitazione psichiatrica a Verona, specializzandosi in musicoterapia a Bristol. Ha vinto numerosi premi in competizioni sia nazionali che internazionali, partecipando ad esempio al concorso Città di Stresa, al concorso europeo della città di Vasti e alla Coppa Pianisti d’Italia della città di Osimo.

Maria Beatrice Boscaro al pianoforte

Maria Beatrice Boscaro al pianoforte

Insomma, il vivaio nostrano è ancora ricco di talenti in campo musicale come dimostrano, a livello locale e non solo, iniziative volte a rilanciare l’amore per la musica classica e per i suoi interpreti. A dispetto dei programmi ministeriali che dimezzano le ore di musica, dei tagli alle risorse da destinare all’istruzione e della conseguente ignoranza che rischia di travolgerci tutti, la partecipazione a questi eventi sottolinea come l’interesse per il mondo della musica sia tutt’altro che svanito. La musica, anche e soprattutto quella classica, é una fonte di ispirazione per ogni generazione, uno scrigno di emozioni, sentimenti, passione e dedizione dal valore inestimabile.

 

 

Silvia Dal Maso

Facebook Comments

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial
Facebook
Twitter
LinkedIn