Nel “bunker” del piccolo ragazzo blu…(prima parte)

edward bunker.

Edward Bunker

29 APRILE – Estate 1943, periferia di Los Angeles: Alex Hammond 11 anni il protagonista di Little blue boy, vive cheap jordans online con il padre Clem, che non è in grado di occuparsi di lui e lo affida a collegi e a scuole militari; il ragazzo non sopporta di vivere in questi ambienti dai quali scappa o viene espulso; proprio durante un tentativo di cheap nfl jerseys shop fuga del figlio, Clem perde la vita in un incidente mentre lo sta cercando, e Alex si trova poco più che bambino,  orfano e solo al mondo, con la sua rabbia incontrollabile come unica arma di difesa verso la società in cui lui è completamente estraneo ed emarginato.

È proprio la sua rabbia che si scatena quando è costretto a subire soprusi dei sorveglianti e le prevaricazioni dei compagni di istituto, che lo porta ad essere condannato a scontare pene sempre più lunghe in strutture detentive sempre più dure.

Quando, a seguito di uno dei tanti tentativi di evasione, o alla richiesta di affidamento della 기대출과다자추가대출 sorella del padre, è finalmente libero non riesce a gestire la situazione; si ritrova smarrito cheap jerseys china in un mondo che non conosce, in compagnia degli occasionali compagni di fuga, piccoli criminali come lui, con i quali little blue boypasse le giornate bighellonando e fumando in attesa della prossima rapina. Alex sembra trovare pace solo quando viene messo in cella di isolamento, con un libro tra le mani, attraverso il quale riesce rifugiarsi nella finzione letteraria e a estraniarsi dalla realtà.

Bunker ci mostra un mondo popolato da piccoli delinquenti, Cheap Jordan Shoes che intraprendono la oakley sunglasses for men via del crimine come unica scelta possibile; centinaia di ragazzi, che diventano rapinatori, spacciatori che cadono vittima della stessa roba che vendono, per i quali la violenza é l’unica risposta possibile per sopravvivere. Nell’evoluzione del protagonista, si assiste ad una progressiva perdita di speranza nei rapporti umani, ad un progressivo smarrimento, dal quale sembra non esserci via di uscita, malgrado le ultime righe del romanzo esortino a lottare sempre per mantenere la propria umanità.

Alessandro Canova

Facebook Comments

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial
Facebook
Twitter
LinkedIn