Pausa salutare

<img class="size-full wp-image-16890" alt="mister_Sannino_Chievo" src="https://ilnazionale.net/wp-content/uploads/2013/10/mister_Sannino_Chievo.jpg" width="623" height="415" srcset="https://ilnazionale.net/wp-content/uploads/2013/10/mister_Sannino_Chievo.jpg 1000w, NFL Jerseys Cheap https://ilnazionale.net/wp-content/uploads/2013/10/mister_Sannino_Chievo-322×214.jpg 322w, https://ilnazionale.net/wp-content/uploads/2013/10/mister_Sannino_Chievo-444×296.jpg 444w” sizes=”(max-width: 623px) 100vw, 623px” />

Mister Sannino in Chievo-Atalanta – Foto Galetto / Il Nazionale

8 OTTOBRE – Sicuramente la pausa di campionato torna a dir poco utile a mister  Sannino e ai suoi collaboratori. C’è un Chievo da risollevare assolutamente e ben vengano queste due settimane prima del prossimo Wholesale Jerseys delicatissimo match a Marassi contro il Genoa. Non sarà una partita da dentro o fuori, ma poco ci manca. Anche perchè, a seguire, si susseguiranno gli scontri, nell’ordine, con Fiorentina e Milan (che, ferito, risulterà ancora più pericoloso), prima di andare a Bologna contro la derelitta (al momento in cui scriviamo) squadra felsinea, appena “distrutta” dall’altra squadra veronese, il lanciatissimo Hellas.

E’ un campionato, questo, che sta entrando decisamente nel vivo e che per fortuna non vede in crisi soltanto il Chievo, ma anche – e soprattutto – proprio il Bologna degli ex Pioli e Moscardelli, la Sampdoria e il Sassuolo (pur in ripresa), oltre allo stesso Genoa, prossimo avversario dei gialloblù.

Cosa non va? Tanto, troppo. La difesa e l’attacco…e quindi, come sempre in questi casi, anche il centrocampo. Praticamente tutto. La quadra del cerchio non è stata ancora trovata dall’ex allenatore di Varese, Siena e Palermo e onestamente, in questo momento, appare pure lontana…il modulo che il tecnico campano Cheap NFL Authentic Jerseys sta utilizzando, (il 4-4-2) non pare convincere più di tanto gli addetti ai lavori. 13 gol incassani, 5 realizzati…numeri impietosi che molto dicono delle difficoltà di questa squadra. Parlando allora di moduli il 3-5-2 che bene ha fatto contro la Juve  (e anche per mezzo campionato, nel 2012-2013 quando a guidare la truppa c’era la coppia Corini-Nicolato) può essere un’alternativa, ma qualcuno ha invocato anche un 4-3-1-2 (ricordando la bella annata di Pioli) che probabilmente aiuterebbe Thereau ad esprimersi al meglio, dando maggiori alternative all’attacco che, col modulo attuale, oltre al francese può proporre soltanto un altro attaccante (di solito il ballottaggio è fra Paloschi e Pellissier). Così, invece, Thereau arretrerebbe sulla trequarti e i due attaccanti potrebbero coesistere, dando magari cheap oakleys anche la possibilità, a gara in corso, ad Ardegmagni di subentrare. Sarebbe un po’ come sconfessare il mercato, che ha puntato sulle ali? Sicuramente, ma forse si potrebbe per il momento cominciare a dare una scossa all’ambiente racimolando prestazioni convincenti e soprattutto punti…poi con il tempo, come d’altronde fatto dallo stesso Corini un anno fa, una volta ripresa la “corsa” verso la salvezza può anche essere trovato lo spazio per provare qualche esperimento. In questo momento il morale è basso e al primo errore (che quasi sempre viene punito con il gol…d’altronde siamo in serie A, bellezza!) quasi sempre poi la squadra rischia di subire psicologicamente il contraccolpo. E’ accaduto con la Juve, con il Catania e con l’Atalanta. Ovvio che occorra prima di ogni altra cosa puntellare la difesa.

Per Cheap Ray Bans farlo Sannino deve, però, recuperare in primis Dainelli. Non sarà certo lui il “salvatore della patria”, ma è senza ombra di dubbio il difensore col maggior tasso tecnico a sua disposizione e con il carisma giusto per guidare al meglio i compagni. I vari Bernardini e Claiton stanno, da esordienti in A, cercando di dare il loro onesto contributo, ma forse sta mancando un po’ la personalità di Cesar, da cui ci si aspettava prestazioni più convincenti. Vedremo se la difesa a 4 continuerà ad essere la “base” o se si virerà – come d’altronde hanno fatto molte altre squadre del nostro campionato – alla difesa a 3 (che poi di fatto è a 5). A centrocampo, invece, i mediani Rigoni, Radovanovic ed Hetemaj (quando è stato chiamato in causa) hanno quasi sempre timbrato il cartellino, ma sono stati soprattutto gli esterni (con Sestu ed Estigarribia, i più esperti, su tutti) a deludere le aspettative fino ad ora. Sarà soprattutto dal loro stato di forma che dipenderanno le scelte del modulo e degli uomini.

Vedremo. Sannino non va messo in discussione, ma solo nelle condizioni migliori per lavorare e al meglio. Al rientro dalla pausa la sfida ai rossoblù ora allenati da Gasperini (che torna nella “sua” Genova) sarà la cartina al tornasole. Se cambio sarà, lo si vedrà già da quella partita. Tutto il resto è noia.

Ernesto Kieffer

mister_Sannino_Chievo-Atalanta

Mister Sannino guarda sconsolato il pallone in Chievo-Atalanta 0-1 – Foto Galetto / Il Nazionale

Facebook Comments

Ernesto Kieffer

Inizia nel 2000 a collaborare per alcuni periodici veronesi come “L’Altro Giornale”, “L’Adige” e “Verona Fedele” e ottiene nel 2002 il patentino di Giornalista Pubblicista. Laureato in Giurisprudenza nel 2003, è da quello stesso anno addetto stampa, organizzatore e presentatore di eventi. Oggi è radiocronista sportivo e giornalista - fra gli altri - de "Il Nazionale - Verona" dove è caporedattore Politica&Attualità. Si è dedicato, nel corso di tutti questi anni, al cinema, alla musica, allo sport, senza disdegnare l'approfondimento e la cronaca. Pratica con “inequivocabili” risultati il calcio e millanta di essere un musicista. Ma sono notizie false e tendenziose.

Ernesto Kieffer ha 134 articoli e più. Guarda tutti gli articoli di Ernesto Kieffer

Ernesto Kieffer

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial
Facebook
Twitter
LinkedIn